Un agente della polizia penitenziaria ha ucciso a colpi di pistola nel cuore della notte la moglie e le due figlie di 12 e 18 anni, poi ha rivolto l’arma verso di sé e si è tolto la vita sparandosi alla testa. È successo verso le due del mattino di sabato in un appartamento in pieno centro a Orta Nova, nel Foggiano: a sparare è stato Ciro Curcelli, assistente capo della polizia penitenziaria di 53 anni. Secondo quanto ricostruito dagli inquirenti, le vittime erano a letto e stavano dormendo quando l’uomo ha fatto fuoco uccidendole. Subito dopo aver sparato, Curcelli ha chiamato i carabinieri confessando la strage familiare, poi prima che i militari arrivassero, si è suicidato. I militari, nel corso della perquisizione nell’appartamento di via Guerrieri, non hanno trovato biglietti o messaggi che potessero far presagire il delitto. La coppia aveva anche un terzo figlio, Antonio, che si è salvato perché vive a Ravenna.

“Sapevo che erano brave persone, tranquille senza problemi. Non mi ha mai parlato di nulla o di problemi familiari”, ha raccontato Marco, il fidanzato della maggiore delle due ragazze uccise. “Eravamo fidanzati da un anno e sette mesi – racconta -. Quando Valentina aveva problemi, io ero al suo fianco per affrontarli e rimaneva sempre con il sorriso”. Marco ha spiegato che non conosceva i genitori di Valentina, ma, dice “so che non avevano problemi familiari”. Ogni tanto, afferma ancora, vedevo anche Miriana, la figlia piccola di 12 anni, quando usciva dal catechismo”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Indonesia, ucciso a coltellate un italiano di 52 anni. Fermato un dipendente del suo locale

prev
Articolo Successivo

Catania, auto contro guard rail: 4 morti, 2 i minori. Nessuno aveva le cinture allacciate

next