Prima è stata sequestrata e poi violentata. È successo il 5 ottobre a una ragazzina di 13 anni, di origine nigeriana, mentre tornava a casa la sera a Como: la giovane ha raccontato di essere stata avvicinata da un ragazzo, 20enne connazionale e suo vicino di casa, che le ha strappato di mano il cellulare. Sperando di riavere il telefonino, lo ha rincorso e raggiunto fino a quando i due non si sono trovati sotto casa del 20enne. Qui la 13enne è stata trascinata nell’appartamento e violentata dal ragazzo e da un amico.

La 13enne la mattina successiva, mentre i due aggressori dormivano, è riuscita a recuperare il cellulare e a scappare via dall’appartamento. Una volta a casa non ha raccontato subito della violenza alla famiglia, che nel frattempo avevano denunciato la scomparsa ai carabinieri di Cantù. Il lunedì, tornata da scuola, ha confessato l’accaduto alla madre che, dopo aver chiesto rinforzi a due famigliari, si è presentata nell’appartamento dei due giovani. Qui è nata una colluttazione che ha richiesto l’intendo della polizia.

I due aggressori sono stati portati in questura mentre la giovane in ospedale dove i medici hanno confermato la violenza. La polizia ha disposto il fermo dei due 20enni per atti sessuali con minorenne. Gli agenti hanno ispezionato l’appartamento, dove hanno trovato indumenti e lenzuola con tracce evidenti di violenza.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Omicidio Isabella Noventa, “le ossa ritrovate sulla spiaggia di Albarella non sono sue”

next
Articolo Successivo

Teramo, 32enne uccisa a coltellate in casa. Arrestato nella notte il compagno: ha confessato

next