Prima è stata sequestrata e poi violentata. È successo il 5 ottobre a una ragazzina di 13 anni, di origine nigeriana, mentre tornava a casa la sera a Como: la giovane ha raccontato di essere stata avvicinata da un ragazzo, 20enne connazionale e suo vicino di casa, che le ha strappato di mano il cellulare. Sperando di riavere il telefonino, lo ha rincorso e raggiunto fino a quando i due non si sono trovati sotto casa del 20enne. Qui la 13enne è stata trascinata nell’appartamento e violentata dal ragazzo e da un amico.

La 13enne la mattina successiva, mentre i due aggressori dormivano, è riuscita a recuperare il cellulare e a scappare via dall’appartamento. Una volta a casa non ha raccontato subito della violenza alla famiglia, che nel frattempo avevano denunciato la scomparsa ai carabinieri di Cantù. Il lunedì, tornata da scuola, ha confessato l’accaduto alla madre che, dopo aver chiesto rinforzi a due famigliari, si è presentata nell’appartamento dei due giovani. Qui è nata una colluttazione che ha richiesto l’intendo della polizia.

I due aggressori sono stati portati in questura mentre la giovane in ospedale dove i medici hanno confermato la violenza. La polizia ha disposto il fermo dei due 20enni per atti sessuali con minorenne. Gli agenti hanno ispezionato l’appartamento, dove hanno trovato indumenti e lenzuola con tracce evidenti di violenza.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Omicidio Isabella Noventa, “le ossa ritrovate sulla spiaggia di Albarella non sono sue”

prev
Articolo Successivo

Teramo, 32enne uccisa a coltellate in casa. Arrestato nella notte il compagno: ha confessato

next