Tutte le nostre richieste sono state accolte. La maggioranza ha un impegno forte, preciso su garanzie che prima non c’erano. C’è stato un cambio di passo”. Lo ha detto il capogruppo Pd alla Camera, Graziano Delrio, annunciando il sì alla riforma che riduce il numero di deputati e senatori da parte del Partito democratico. “Non c’è nessuna cambiale in bianco ma un patto di fiducia tra persone serie” ha aggiunto Delrio, che è stato contestato dai parlamentari di Lega e Fratelli d’Italia. “Le storture che abbiamo evidenziato” ha spiegato l’esponente dem, “verranno corrette. I senatori saranno eletti su base pluri-regionale, i sistemi di partecipazione dell’elettorato attivo e passivo saranno rivisti, verranno ridotti i delegati per l’elezione del presidente della Repubblica.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Taglio eletti, Sgarbi ai 5 stelle: “State stuprando il Parlamento, ricattate come Mussolini”. E tira in ballo il figlio di Grillo

next
Articolo Successivo

Fisco, carcere per gli evasori? Vox tra i politici: “Tra un po’ metteremo anche la pena di morte”, “Levare la libertà solo per reati gravissimi”

next