Matteo Salvini e i suoi sostenitori sono scesi in piazza, chiudendo il sit-in sotto il Campidoglio, per chiedere le dimissioni di Virginia Raggi. I consiglieri del M5s hanno risposto uscendo dal palazzo e mostrando, a distanza di qualche metro, un vassoio di mojito e alcuni cartelli con scritto: “Questo non è il Papeete”, “Non era un mojito ma un moscow mule”, “Dal mojito al white russian basta un sorso”,con un chiaro riferimento ai presunti legami tra la Lega e la Russia nella vicenda che vede coinvolto Gianluca Savoini. I sostenitori di Salvini, quando si sono accorti della protesta silenziosa, hanno intonato i cori “andate a lavorare“, “chi non salta 5 stelle è”, “oh Giggino portaci da bere”.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Governo, Enrico Letta: “La lettera di Renzi è guerra. Conte e Zingaretti non facciano come me. Così non mangiano il panettone”

next
Articolo Successivo

Migranti, Bonafede: “In paesi sicuri, non ci saranno i presupposti per ottenere la protezione salvo prova contraria”

next