È ricoverata in gravi condizioni al Royal London Hospital dopo avere subito un intervento al cervello a febbraio e i medici avevano chiesto che le fosse staccata la ventilazione. Ma i giudici dell’Alta Corte britannica hanno accolto il ricorso dei genitori della piccola Tafida Raqeeb, 5 anni, che non deve morire e potrà essere curata al Gaslini di Genova. L’ospedale si è infatti detto pronto ad assisterla. La bimba è in uno stato di coscienza minima e non soffre.

Il verdetto – definito “sensazionale” dal Daily Mail online, tenuto conto di una serie di precedenti su vicende simili, anche se non identiche, come il caso di Charlie Gard e Alfie Evans – è stato emesso dal giudice Alistair MacDonald. I genitori della bambina – Shelina Begum, avvocato di 39 anni, e Mohammed Raqeeb, perito edile di 45, residenti nella zona est di Londra – avevano fra l’altro invocato la loro fede islamica fra le motivazioni contrarie a un atto irrimediabile, quello di staccare la spina, che sarebbe stato anche un “peccato grave” per la loro religione.

Ma MacDonald ha lasciato in secondo piano questo aspetto, sottolineando piuttosto la ragionevolezza delle argomentazioni della famiglia. Mentre ha bocciato il punto di vista dell’ospedale londinese secondo cui mettere fine alla vita di Tafida sarebbe stato “nel suo miglior interesse“, poiché, pur non del tutto incosciente, non ha consapevolezza né avrebbe possibilità di ripresa. “Dieci o 20 anni di ‘inconsapevolezza’ sono prezzo degno d’essere pagato, mentre 20 anni di sofferenza potrebbero non esserlo”, ha sentenziato notando come gli stessi medici britannici ammettano che la piccola non soffre. La madre ha espresso la sua gioia in lacrime, insistendo sui piccoli segnali di miglioramento notati nelle condizione della figlia. “Tafida non sta morendo, non soffre, è stabile e ha bisogno di tempo”, ha affermato, “ora avverte anche la mia presenza“. Prima dell’eventuale trasferimento al Gaslini, resta tuttavia da vedere se il Royal London Hospital deciderà di fare appello.

Paolo Petralia, direttore generale dell’ospedale di Genova, dopo la sentenza ha dichiarato: “Siamo felici di poter accogliere Tafida. Fin da subito abbiamo offerto la disponibilità di accogliere la piccola Tafida e la sua famiglia nel nostro ospedale, poiché non sempre, purtroppo, è possibile guarire, ma sempre è doveroso prendersi cura e offrire spazio di accudimento ed accoglienza. Questo tempo che viene offerto a Tafida e alla sua famiglia – ha continuato – è una condizione di dignità e qualità di vita, che da sempre al Gaslini viene offerto ai bambini di tutte le nazionalità e in tutte le condizioni. E in questo, ancora una volta, portiamo avanti la missione del nostro fondatore, rivolta ai bambini di ogni condizione, di ogni dove e in ogni tempo”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Disabili, federazioni abbandonano il tavolo al Miur sull’inclusione scolastica: “Avevamo un incontro col ministro, ma se ne è andato”

prev
Articolo Successivo

L’eredità solidale di Livio Garzanti: 90 milioni per l’assistenza agli anziani. Presentati a Milano i progetti

next