L’associazione nazionale presidi chiede l’intervento a Roma dell’Asl per valutare lo stato igienico-ambientale sui rifiuti abbandonati vicino alla scuole, per eventualmente procedere alla chiusura degli istituti. “Come segnalato da molti presidi di Istituti comprensivi e scuole superiori romane – fa sapere Mario Rusconi, presidente dell’associazione nazionale presidi Lazio – sia in zone centrali della città sia in periferia, la situazione dei rifiuti abbandonati vicino agli edifici scolastici o all’interno dei cortili si sta aggravando di giorno in giorno”. E poi aggiunge: “Senza un intervento del Comune in tempi congruenti, chiederemo all’Asl di verificare se ci sono situazioni che impongano la chiusura dei plessi, perché non spetta a noi deciderlo. Tuttavia una mamma, un papà o chiunque accompagni i bambini a scuola, non può volare sopra i cumuli di immondizia circondati da animali che si vedono in tutta la città”.

Come i presidi anche i medici intervengono: “La raccolta dei rifiuti nella capitale – commentano in una nota Antonio Magi e Pierluigi Bartoletti, presidente e vice presidente dell’ordine dei medici di Roma – si regge, e male, su un fragilissimo equilibrio basato principalmente sulla buona volontà delle Regioni vicine ad accogliere, seppur a caro prezzo, i nostri residui. Non c’è spazio dunque per improvvisi blackout del ciclo di raccolta e smaltimento”. La nota si conclude poi con un appello: “Tutti i soggetti che ne hanno la responsabilità si siedano intorno a un tavolo e trovino una soluzione in breve tempo”.

La richiesta dei presidi arriva il giorno dopo il caos ai vertici di Ama, l’azienda incaricata di raccogliere e smaltire i rifiuti romani: dopo 100 giorni dal suo insediamento il consiglio di amministrazione ha rassegnato le dimissioni costringendo il sindaco Virginia Raggi a una nomina lampo caduta su Stefano Zaghis. “Da parte nostra è venuta meno la necessaria fiducia”, così l’ex consiglio ha giustificato il ritiro. Intanto il neo assunto ha già incontrato l’assessore al Bilancio Gianni Lemmetti e il direttore generale del Campidoglio Franco Giampaoletti per discutere dei conti dell’azienda.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

I nuovi Re di Roma

di Il Fatto Quotidiano 6.50€ Acquista
Articolo Precedente

Mantova: “Cimitero ebraico sta per essere profanato”. Accuse di razzismo dal direttore del comitato per la preservazione in Europa

next
Articolo Successivo

Giorgio Squinzi morto: aveva 76 anni. Ex presidente Confindustria, era proprietario di Mapei e del Sassuolo calcio

next