L’associazione nazionale presidi chiede l’intervento a Roma dell’Asl per valutare lo stato igienico-ambientale sui rifiuti abbandonati vicino alla scuole, per eventualmente procedere alla chiusura degli istituti. “Come segnalato da molti presidi di Istituti comprensivi e scuole superiori romane – fa sapere Mario Rusconi, presidente dell’associazione nazionale presidi Lazio – sia in zone centrali della città sia in periferia, la situazione dei rifiuti abbandonati vicino agli edifici scolastici o all’interno dei cortili si sta aggravando di giorno in giorno”. E poi aggiunge: “Senza un intervento del Comune in tempi congruenti, chiederemo all’Asl di verificare se ci sono situazioni che impongano la chiusura dei plessi, perché non spetta a noi deciderlo. Tuttavia una mamma, un papà o chiunque accompagni i bambini a scuola, non può volare sopra i cumuli di immondizia circondati da animali che si vedono in tutta la città”.

Come i presidi anche i medici intervengono: “La raccolta dei rifiuti nella capitale – commentano in una nota Antonio Magi e Pierluigi Bartoletti, presidente e vice presidente dell’ordine dei medici di Roma – si regge, e male, su un fragilissimo equilibrio basato principalmente sulla buona volontà delle Regioni vicine ad accogliere, seppur a caro prezzo, i nostri residui. Non c’è spazio dunque per improvvisi blackout del ciclo di raccolta e smaltimento”. La nota si conclude poi con un appello: “Tutti i soggetti che ne hanno la responsabilità si siedano intorno a un tavolo e trovino una soluzione in breve tempo”.

La richiesta dei presidi arriva il giorno dopo il caos ai vertici di Ama, l’azienda incaricata di raccogliere e smaltire i rifiuti romani: dopo 100 giorni dal suo insediamento il consiglio di amministrazione ha rassegnato le dimissioni costringendo il sindaco Virginia Raggi a una nomina lampo caduta su Stefano Zaghis. “Da parte nostra è venuta meno la necessaria fiducia”, così l’ex consiglio ha giustificato il ritiro. Intanto il neo assunto ha già incontrato l’assessore al Bilancio Gianni Lemmetti e il direttore generale del Campidoglio Franco Giampaoletti per discutere dei conti dell’azienda.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

I nuovi Re di Roma

di Il Fatto Quotidiano 6.50€ Acquista
Articolo Precedente

Mantova: “Cimitero ebraico sta per essere profanato”. Accuse di razzismo dal direttore del comitato per la preservazione in Europa

next
Articolo Successivo

Giorgio Squinzi morto: aveva 76 anni. Ex presidente Confindustria, era proprietario di Mapei e del Sassuolo calcio

next