“Io credo in una scuola laica, ritengo che le scuole debbano essere laiche e permettere a tutte le culture di esprimersi. Non esporrei un simbolo in particolare, ed eviterei l’accozzaglia, altrimenti diventa un mercato. La foto di Sergio Mattarella nelle aule? No, neanche il presidente la vorrebbe. Meglio appendere alla parete una cartina del mondo con dei richiami alla Costituzione”.

Sono le parole pronunciate a Radio Rai 1 dal ministro dell’Istruzione Lorenzo Fioramonti. Una presa di posizione coraggiosa che mai si era registrata da parte di un inquilino di viale Trastevere. Parole che hanno sollevato immediatamente le reazioni di coloro che sono pro o contro i simboli religiosi in aula. Ad intervenire sono come sempre vescovi, politici; ma qualcuno ha chiesto a un maestro, a un uomo o una donna di scuola cosa ne pensano?

Il problema è mettersi nei panni dei bambini. L’aula non è uno spazio casuale per un allievo ma è la sua seconda casa, come diceva Maria Montessori. Un fiore, una mappa del mondo – come suggerisce Fioramonti -, gli articoli della Costituzione appesi, un calendario al posto di un altro devono avere un valore, non possono essere una suppellettile. E allora chiediamoci: ha senso appendere una croce se a quel crocifisso nessuno rivolge uno sguardo, una parola? Ha senso appendere la foto di Mattarella se poi i bambini pensano che il presidente della Repubblica sia Salvini o Di Maio?

Chi scrive crede di essere ateo ma riconosce l’importanza dei simboli. Nella mia classe la croce appesa arriva da Lampedusa ed è tratta dal legno dei barconi dei nostri fratelli migranti approdati sull’isola. Ogni volta che un bambino guarda a quella croce, magari dopo aver letto in classe l’ultimo articolo su un barcone affondato, pensa inevitabilmente all’umanità. Così come il calendario che ho appeso in aula è un almanacco interculturale che indica le festività religiose e le ricorrenze civili di diverse culture, insieme alle ricette del mondo. In un’aula va dato senso e valore a ciò che si appende, che sia una croce o un calendario.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Scuola, sindacati e Miur firmano l’accordo salva-precari: cattedra per 24mila insegnanti, abilitazione per altri 30mila

prev
Articolo Successivo

La vera colpa di Fioramonti? Chiedere (giustamente) soldi per scuola e università

next