“La possibilità di votare online è un modo di esercitare i propri diritti. In Italia abbiamo l’esempio della piattaforma Rousseau, con la quale è possibile scegliere i propri rappresentanti e quali politiche perseguire, compreso il recente governo, sul quale si sono espressi 80mila votanti“. Lo ha detto Davide Casaleggio, nel suo intervento all’incontro sulla cittadinanza digitale all’Onu. La “cittadinanza digitale per tutti” è stata la questione centrale del suo intervento, nel corso del quale ha ricordato che nella storia “con le nuove tecnologie si sono sempre affermati nuovi diritti” e ha auspicato che “ognuno dovrà avere la propria cittadinanza digitale”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Reddito di cittadinanza, il padre di Federica Saraceni: “Mia figlia prima percepiva già il Rei. Cosa facciamo? La buttiamo in una discarica?”

prev
Articolo Successivo

Pd, Boccia: “Marattin accusa Franceschini di voler aumentare Iva? Racconto macchiettistico e infondato”. E fa un appello a Renzi e a Boschi

next