Quart’ultimo posto in classifica, sei punti come Lecce, Brescia e Verona e quattro sconfitte (come non accadeva dal 1938-’39) nelle prime sei partite: quello del Milan di Giampaolo è il peggior avvio di campionato degli ultimi vent’anni. I rossoneri praticamente viaggiano al ritmo di una neopromossa, ma giocano peggio. Non hanno la benché minima identità tattica e uno straccio di idea, producono pochissimo in attacco, in compenso sbagliano sempre di più dietro. L’1-3 casalingo contro la Fiorentina del redivivo Montella è stato un’autentica figuraccia. In questi casi la colpa è sempre del mister, ed in effetti, al netto di un mercato confuso, una società davvero troppo inesperta, i conti ballerini, una rosa mediocre, il problema del Milan è (anche) l’allenatore. Inteso però non solo come Giampaolo, ma come chiunque abbia guidato di recente la squadra: i rossoneri vengono da quasi sei anni di tecnici completamente inadeguati. Tassotti, Seedorf, Inzaghi, Mihajlovic, Brocchi, Montella, Gattuso, Giampaolo: sembra la cronistoria di una provinciale, non di una delle squadre più forti e titolate d’Italia.

Traghettatori, vecchie glorie, onesti mestieranti: dai tempi di Massimiliano Allegri non ce n’è stato uno degno di sedere sulla panchina rossonera. E lo dimostra anche la fine che hanno fatto dopo: c’è chi allena in Serie B o addirittura in C, chi è finito sulla panchina del Camerun, chi a fare il commentatore tv. E questi sono i risultati. L’allenatore è fondamentale: determina il mercato, dà identità e anima alla squadra, trasforma i giocatori. L’ultimo Berlusconi li sceglieva in maniera capricciosa, poi c’è stato il caos cinese, quindi l’inesperienza di Boban e Maldini nella nuova era di Elliott: tre proprietà diverse, lo stesso errore. Non si può sbagliare sistematicamente una scelta così importante. Certo, si può dire anche che questa è forse la conseguenza e non la causa del declino. Che questi sono gli unici nomi che il Milan di questi anni è in grado di permettersi. Qualcosa di meglio e di diverso, però, si sarebbe potuto fare. Il rilancio passa anche e soprattutto da qui, da affidare un progetto credibile alla persona giusta: le ipotesi per l’eventuale sostituto (si è parlato di Shevchenko, persino di un ritorno di Gattuso, o Donadoni) non lasciano sperare molto di buono.

Ben diverso, invece, sarebbe riuscire magari per il prossimo giugno a convincere Spalletti, per non parlare di Allegri. Per il momento c’è ancora Giampaolo. Un tecnico non giovane e non di successo, che quattro anni fa allenava (male) a Cremona in Lega Pro e poi è riuscito sorprendentemente a rilanciare la sua carriera a Empoli, come erede di Sarri, guadagnandosi tre buone stagioni alla Sampdoria, ma mai al di sopra del nono posto. Trasformarlo in un vate del pallone, nel nuovo Sacchi a cui affidare la rifondazione rossonera, è stata un’operazione folle (di cui lui è la prima vittima). Sì, il problema è Giampaolo, perché questo Milan forse non sarà da Champions League ma di sicuro non è da quart’ultimo posto. Ma la colpa è soprattutto di chi l’ha voluto. Per questo, e non per altro, non è stato ancora esonerato. “L’allenatore è una nostra scelta, condivisa, e la difenderemo sempre”, ha detto Paolo Maldini dopo la sconfitta con la Fiorentina. Ha ragione. Se cacciano Giampaolo, loro come fanno a rimanere?

Twitter: @lVendemiale

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sampdoria-Inter: 1-3. Conte resta a punteggio pieno e riporta la Juve a distanza di sicurezza. Sampdoria ultima e in crisi nera

next
Articolo Successivo

Claudio Marchisio si ritira a 33 anni: una vita nella Juventus con 7 scudetti e il rammarico della Champions League e dell’Europeo 2012

next