È andata a letto ascoltando musica dal suo telefonino messo in carica e si è addormentata. Alua Asetkyzy Abzalbek, 14 anni, è morta in seguito all’esplosione della batteria dello smartphone. Come riporta il Daily Mail, la ragazza si trovava nella sua casa nel villaggio di Bastobe, Kazakhstan. La 14enne sarebbe morta sul colpo per via delle gravissime lesioni alla testa. Sono stati i genitori a scoprire il corpo di Alua. “Non riesco ancora a crederci. Siamo state insieme fin dall’infanzia ed ora è così difficile per me senza di te”, ha scritto un’amica della ragazza su Facebook. La marca dello smartphone non è stata ancora resa nota. Non è la prima volta che capitano incidenti di questo tipo: lo scorso agosto un ragazzino di 13 anni è morto folgorato mentre stava caricando il cellulare in un fast food. È successo in Cina, a Nanchang, la capitale della provincia del Jiangxi. Secondo quanto riportato da Jiangxi Net Tv, il 13enne stava utilizzando un cavo non originale per ricaricare il suo smartphone Huawei.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Di che colore è la scarpa? Rosa o grigia? Torna in auge un “gioco” che vi farà perdere la testa

next
Articolo Successivo

Lewis Hamilton rivela: “Sono stato rimproverato pubblicamente dalla regina Elisabetta durante un pranzo con lei”

next