La Commissione antimafia ha desecretato e pubblicato sul suo sito tutti gli atti relativi alle audizioni rese dal pentito Salvatore Totuccio Contorno – il secondo pentito più importante della storia di Cosa nostra dopo Tommaso Buscetta – a Palazzo San Macuto durante la X Legislatura. Contorno, affiliato mafioso della famiglia di Santa Maria di Gesù di Palermo, nel 1984 decise di seguire l’esempio di Buscetta e cominciò a collaborare. Le sue dichiarazioni entrarono nel maxiprocesso nell’inchiesta Pizza Connection. Sottoposto a programma di protezione negli Stati Uniti, nel novembre 1988, Totuccio Contorno fece segretamente ritorno a Palermo, dove in quel momento imperversava una guerra di mafia, proprio contro i suoi ‘nemici’ corleonesi. “Il suo arresto, eseguito a Palermo nel maggio 1989, destò grande scalpore nell’opinione pubblica, a causa della sorpresa per la sua presenza a Palermo in un momento rilevante per gli equilibri di riorganizzazione di Cosa Nostra – scrive la commissione Antimafia – Peraltro, non mancò chi, con il ricorso a lettere anonime, tentò di colpire lo strumento della gestione dei collaboratori di giustizia, nonché i magistrati e gli inquirenti in quel momento più esposti sul fronte dell’azione di repressione: fu quella la stagione del ‘Corvo'”.

“La pubblicazione degli atti relativi a Contorno si inquadra nel più ampio progetto di declassificazione voluto dalla Commissione Antimafia e che a luglio ha portato alla desecretazione delle audizioni del giudice Paolo Borsellino – spiega Roberto Tartaglia, ex pm della Dda di Palermo, ora consulente dell’Antimafia nazionale – I documenti pubblicati – spiega Tartaglia, promotore dell’iniziativa – forniscono un quadro fedele e drammatico dell’estate del 1989, un anno cruciale nella storia della mafia e dell’antimafia. Parlo della terribile stagione dell’infamante anonimo del ‘Corvo 1’ e dell’attentato dell’Addaura a Giovanni Falcone. Quel che viene fuori in modo drammatico – aggiunge – è quanto la vicenda Contorno venne usata strumentalmente per isolare Falcone e per colpire investigatori come Gianni De Gennaro che avevano mostrato particolare bravura pur tra mille oggettive difficoltà”.

“Le audizioni pubblicate in questa sede contribuiscono a ricostruire una complessa questione di quella cruciale stagione palermitana – spiega la commissione antimafia – Per quanto concerne il regime degli atti, si specifica che trattasi di resoconti stenografici di sedute plenarie già pubblicate negli atti parlamentari della X legislatura; di relazioni (Doc. XXIII) sempre della X legislatura”. Ma c’è anche un “resoconto stenografico inedito di un incontro di un gruppo di lavoro della Commissione, presso una scuola di Polizia di Roma, con il signor Salvatore Contorno, con il Vicequestore e Capo del nucleo anticrimine della Criminalpol Gianni De Gennaro e con il capo della squadra mobile di Palermo Arnaldo La Barbera, declassificato nella XIII legislatura, nelle sedute della commissione del 26 gennaio 1999 e del 16 novembre 1999″.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Stragi, Berlusconi indagato a Firenze anche per il fallito attentato a Costanzo nel 1993

next
Articolo Successivo

Mafia, il pentito Giovanni Brusca resta in carcere: no della Cassazione agli arresti domiciliari per il boss della strage di Capaci

next