“Il processo di re industrializzazione alla ex Embraco si sta rivelando un bluff”. Non usano mezzi termini i 413 lavoratori dello stabilimento di Riva di Chieri che da gennaio aspettano il riavvio della produzione promesso dai vertici di Ventures, la società che ha rilevato l’azienda che faceva parte del gruppo Whirlpool. “Andiamo in fabbrica con le scope in mano e il raschietto per pulire i muri in attesa che arrivino le linee e i prodotti” racconta Francesca, una delle lavoratrici che oggi hanno scioperato per otto ore di fronte al palazzo della Regione Piemonte. C’è tempo fino a luglio, poi scadranno i termini della cassa integrazione e i lavoratori saranno licenziati. “Chiediamo al Mise di fare controlli per capire se i prodotti arriveranno per davvero e se esiste davvero un piano per la reindustrializzazione”. Ma il problema secondo i sindacati della Fiom-Cgil e Uil non riguarda solo lo stabilimento piemontese: “I governi cambiano – riflette Ugo Bolognesi, della Fiom Cgil – ma l’atteggiamento passivo del governo di fronte alla delocalizzazioni non sembra essere cambiato”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Napoli, operai Whirlpool in corteo al consolato americano: “Conte e Di Maio parlino con Trump”

prev
Articolo Successivo

Almaviva, accordo al ministero del Lavoro: “Niente licenziamenti e cig fino a marzo. Ora interventi strutturali sui call center”

next