Amber Heard ha preso all’amo Johnny come un grosso pesce. So com’è ubriaco, non picchierebbe una donna”. A rivelarlo in un’intervista a Vanity Fair è il regista Terry Gilliam, che dice di non avere alcun dubbio su a chi dare ragione nella lite coniugale Heard-Depp, in cui lei accusa l’attore di averla picchiata e lui che nega ogni addebito. “Ho difeso Johnny Depp dalle accuse del’ex moglie Amber Heard su Facebook – ha spiegato il regista -. E ho ricevuto un sacco di critiche: ”‘Non lo conosci davvero’. ‘Sì, lo conosco’. ‘Ma non sai come diventa quando è ubriaco o fatto’. ‘Si dà il caso che lo sappia invece, e sono certo che non picchierebbe mai una donna’. Amber l’ha preso all’amo come un grosso pesce”.

Gilliam ha parlato poi anche di Heath Ledger, l’attore scomparso nel 2008 che recitò per l’ultima volta proprio in un suo film, Parnassus – L’uomo che voleva ingannare il diavolo: “Fu terribile. Heath era diventato uno di famiglia. Avevamo finito le riprese a Londra e dovevamo trasferire il set a Vancouver. Ma lui decise di fare tappa a New York per vedere la sua bambina. Che, però, non c’era. Non posso entrare nei dettagli, ma stavano cercando di non fargliela vedere. Il mattino dopo era morto. Era un attore e una persona speciale. Aveva 28 anni,ma era come se ne avesse cinquanta in più, era una specie di vecchio saggio”.

Per il ruolo di Ledger in Parnassus, Gilliam scelse di far alternare tre attori che conoscevano il collega scomparso e avessero con lui un bel rapporto: Johnny Depp, Jude Law e Colin Farrel. A Vanity Fair, racconta di esser stato contattato dall’agente di Tom Cruise, che si era detto disponibile: un’offerta che lui ha però declinato. “Mi spiace, ma non fa parte della famiglia”, ha detto di avergli risposto. Infine il regista ha voluto ricordare altro attore scomparso, Robin Williams: “Un pazzo, nel senso migliore del termine. Il suo cervello non si fermava mai. Una persona gentile e generosa. Conosceva tutte le persone della truope per nome e aveva una battuta per ognuno di loro”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Giovanni Minoli, l’ex direttore di Rai 2 e Rai 3 rivela: “Mia madre era una nazista, mi chiamava con un campanello”

prev
Articolo Successivo

Giulia De Lellis, abbiamo letto (tutto) il suo libro: ecco perché “l’opera” ha raggiunto il proprio obiettivo

next