Si è dimesso il numero uno di Juul, start up di sigarette elettroniche statunitensi, Kevin Burn. Il veterano dell’industria del tabacco è stato infatti travolto dalle polemiche per i danni delle e-cig, il cui uso viene collegato a una malattia polmonare che negli Usa ha già causato otto morti. “Una vera epidemia“, denunciano le autorità statunitensi. La stessa azienda è già nel mirino delle procure americane: la federale della California ha infatti aperto un’inchiesta.

Il ceo sarà sostituito da K.C. Croshwaite, che ha guidato il passaggio dell’azienda Altria, società a cui fa capo il 35% di Juul, da produttrice di tabacco a produttrice di sigarette elettroniche. Nell’annunciare il cambio di vertice, Juul precisa anche che metterà fine alla campagna pubblicitaria “Make the Switch”. Una campagna criticata dalle autorità americane perché dipinge le sigarette elettroniche come un’alternativa più sicura alle sigarette tradizionali.

Ora Altria, che a fine 2018 ha investito 13 miliardi di dollari su Juul, ha annunciato anche lo stop alle trattative con Philip Morris International, società che vende il marchio di sigarette Marlboro e Chesterfield a livello internazionale, che avrebbero dovuto portare i due colossi a una fusione.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Usa, e se dietro l’impeachment contro Donald ‘volpe’ Trump ci fosse lo stesso Trump?

next
Articolo Successivo

Usa, Trump: “Impeachment? È caccia alle streghe. La chiamata a Zelensky era perfetta”

next