Nel giorno in cui la Consulta si esprime sul fine vita, dopo undici mesi di attesa vana del Parlamento incapace di legiferare sul tema, una mossa in extremis arriva dal Senato, seppur di fatto a tempo scaduto. È stato infatti presentato un disegno di legge che porta le firme di parlamentari di tutte le forze che sostengono il governo giallorosso: M5s, Pd, Leu, ex M5s e Italia Viva.

Monica Cirinnà (Pd), Tommaso Cerno (Pd), Loredana De Petris (Misto-LeU), Matteo Mantero (M5s), Riccardo Nencini (Psi-Italia viva), Paola Nugnes (Misto-LeU) e Roberto Rampi (Pd) hanno annunciato un provvedimento di tre articoli che modifica l’articolo 580 del codice penale intervenendo “sull’aiuto medico al morire e la tutela della dignità nella fase finale della vita”. Un testo, precisano, che “non è in contrapposizione con gli altri presentati” e che intende aggiungere un contributo al lavoro comune al quale, dopo il verdetto della Corte, il Parlamento sarà chiamato di nuovo a rispondere. “Prima c’erano condizioni politiche differenti, con il governo M5s-Lega sul tema dei diritti c’erano evidenti difficoltà”, taglia corto la senatrice ex pentastellata Paola Nugnes, sperando in un’inversione di tendenza nella cornice ‘giallorossa’. Eppure, ribadiscono sia Cirinnà che Mantero, “siamo convinti che debba essere il Parlamento” l’organo chiamato a esprimersi, non l’esecutivo. Certo, una legge potrà essere approvata soltanto dopo il verdetto della Consulta: “Una resa del Parlamento”, ammette il pentastellato Mantero. E Cirinnà aggiunge: “Se il potere legislativo non risponde, è giusto che qualcun altri si pronunci”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Salvini: “Conte? Pensa solo al ciuffo e alla poltrona ma coi Paesi europei parlavo io. M5s? Presto ci saranno passaggi nella Lega”

prev
Articolo Successivo

Sanità, Senato approva disegno di legge per la sicurezza delle professioni sanitarie: “Episodi di violenza inaccettabili. È la strada giusta”

next