Nell’accordo di Malta non c’è traccia di ciò che ormai tutti sanno. E cioè delle condizioni bestiali in cui vengono trattati i migranti nei cosiddetti campi di accoglienza libici. Ma la Ue può far finta di non sapere e di non vedere questa situazione bestiale? Siamo al livello di quei Paesi che nel ’39-’40 fingevano di non sapere nulla dei campi di concentramento nazisti“. E’ il duro j’accuse del filosofo Massimo Cacciari, nel corso della trasmissione Otto e Mezzo, su La7.

E aggiunge: “Questa è una cosa pazzesca. Ma come fa la Ue a non riconoscere questa situazione in Libia e a non voler sapere come stanno quelle persone? Quali accordi è possibile fare con un Paese che tortura e tiene imprigionati nei lager migliaia e migliaia di persone? Parliamo di Europa dei diritti e non solo lasciamo quelle persone spesso e volentieri annegare in mare contro ogni diritto internazionale e contro ogni diritto marittimo, ma la Ue quella questione lì non la tira fuori”.

Interviene la conduttrice Lilli Gruber: “Sì, ma ricordo anche l‘Europa da decenni di migranti ne ha accolti tantissimi e continua ancora ad accoglierli. Lo dico perché altrimenti l’Europa viene definita sempre matrigna”.

E Cacciari insorge: “Ma cosa vuol dire? Certo che li accoglie. Gruber, abbia pazienza, questa roba dell’accoglienza mi fa veramente girare le scatole. L’Europa si rende conto che ha bisogno dei migranti, se non vuole chiudere baracche e burattini? Tra qualche anno in Africa saranno due miliardi e mezzo e noi saremo 500 milioni. Non è possibile trattare una politica su questo tema, senza pensare, invece, a una politica che parta dai grandi Paesi africani. Ma vogliamo scherzare? Non è che siamo buoni che si amano e quindi di migranti ne abbiamo accolti tanti. E’ che l’Europa ha bisogno di questa gente. Ci vogliono piani Marshall europei per l’Africa”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Clima, Fassina: “Greta Thunberg? Insopportabile ipocrisia intorno a lei. Fa figo lodarla ma nessuno vuole cambiare la realtà”

prev
Articolo Successivo

Governo, Travaglio: “Di Maio? Con Salvini si buttò nelle gare di rutti ma perdeva sempre. Col Pd ora ha cambiato comunicazione”

next