Sospetta discriminazione dei consumatori che intendono pagare con conti correnti esteri. E’ l’ipotesi in base alla quale l’Antitrust contesta a Telepass la “possibile violazione della disciplina di derivazione comunitaria che vieta di impedire o applicare condizioni diverse ai consumatori che intendano pagare attraverso domiciliazione su conti correnti esteri, la cosiddetta Iban discrimination”.

L’avvio di un procedimento sulla società del gruppo Atlantia, per verificare se siano state violate le norme europee, è stato comunicato dalla stessa autorità garante per la concorrenza e notificato nell’ambito delle ispezioni effettuate il 23 settembre dalla stessa Antitrust in collaborazione con il Nucleo speciale Antitrust della Guardia di Finanza.

Dalle informazioni raccolte sembra, infatti, che non sia possibile attivare il servizio Telepass se il consumatore intende pagare attraverso un conto corrente estero. Questo è contrario alla norma di cui al decreto legislativo 135 del 18 agosto 2015 di attuazione del Regolamento Ue 260/2012, che ha come obiettivo quello di creare un mercato integrato dei pagamenti elettronici in euro.

Telepass si difende dichiarando, in una nota, di non aver “mai adottato alcuna pratica di Iban discrimination, come comprova il fatto che diverse migliaia di clienti della società risiedono e hanno conti correnti in Paesi europei al di fuori dell’Italia, e che Telepass è il principale sistema di tele-pedaggio attivo in 13 Paesi europei”. E poi aggiunge: “Come tutte le piattaforme di pagamento, Telepass richiede l’identificazione dei nuovi clienti online. Operazione che viene delegata agli istituti bancari presso i quali risiede il conto dove vengono addebitati i pedaggi. L’istruttoria dell’Antitrust riguarda un numero limitatissimo di clienti con conti su banche estere, circa una decina di persone negli ultimi due anni su un totale di 6 milioni di utenti, per i quali non è stato possibile ottenere adeguate garanzie di riconoscimento. Tali pratiche di identificazione del titolare del contratto Telepass sono infatti necessarie per tutelare i consumatori, in Italia come all’estero, evitando che chiunque possa aprire contratti indicando in modo illecito Iban di terze persone”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Tassa sui prelievi, basta con la guerra ai contanti! Chiariamo alcuni punti

next
Articolo Successivo

Evasione fiscale, Conte e Di Maio promettono il carcere per i grandi evasori. E il Pd tace

next