Era la serie tv favorita con 32 nomination e trionfo è stato per Game of Thrones (Trono di Spade) trasmessa da Hbo. L’Oscar della tv per la miglior serie drammatica è andata alla serie che conta milioni di fan nel mondo.

Premiata come serie nella categoria commedie è stata Fleabag: produzione inglese è stata la protagonista della notte con Phoebe Waller Bridge, la creatrice e scrittrice della serie, che si è aggiudicata anche il titolo di miglior attrice.

Gli Emmy incoronano anche Billy Porter, la star di Pose, premiato come miglior attore protagonista nella categoria drama: è la prima volta che un afroamericano apertamente gay vince il riconoscimento. “Sono contento di aver vissuto abbastanza a lungo per vedere questo giorno” dice Porter sul palco con il premio in mano.

L’attrice Michelle Williams, che ha conquistato invece il premio come miglior attrice in una miniserie per Fosse/Verdon, ha ringraziato Fox e i produttori della serie tv per “averla sostenuta e per averla pagata” in modo adeguato, nello stesso modo con cui sono retribuiti i suoi colleghi uomini.

La notte degli Emmy riporta alla ribalta anche il caso dei cinque ragazzi afroamericani accusati di aver stuprato una ragazza a Central Park nel 1989 e poi scagionati.

Jharrel Jerome ha vinto l’Emmy come miglior attore protagonista in una miniserie per They See Us (produzione di Netflix): “Questo è per Raymond, Yousef, Antron, Kevin e King Corey Wise. Grazie, è un onore” dice Jerome. I ragazzi invitati alla cerimonia si sono alzati in piedi e alzato il pugno.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

“Why We Hate”, la docu-serie di Steven Spielberg svela le ragioni dell’odio nella politica e nello sport

prev
Articolo Successivo

Barbara D’Urso ospita Matteo Salvini e si spinge oltre il trash, verso la propaganda. E Massimo Giletti la attacca (senza nominarla)

next