Alitalia e i sindacati hanno raggiunto l’accordo sulla proroga della cassa integrazione straordinaria, in scadenza oggi 23 settembre. La proroga è fissata al 31 dicembre e prevede un numero massimo di lavoratori da collocare in Cigs a rotazione: 75 dipendenti per il personale navigante comandanti, 320 per il personale navigante di cabina e 680 per il personale di terra. La richiesta iniziale dei commissari di Alitaliaper 1.180 lavoratori – è stata quindi ridotta di 105 unità a 1.075, quasi 300 in meno rispetto ai 1360 lavoratori in cigs nello stesso periodo del 2018.

L’intesa è stata sottoscritta nella sede del ministero del Lavoro da Filt-Cgil, dalla Fit-Cisl, dalla Uiltrasporti e dall’Ugl Trasporto Aereo, mentre non hanno firmato l’accordo Anpac e Anpav. “Si tratta di un accordo di responsabilità in vista della new company”, ha spiegato Fabrizio Cuscito, segretario nazionale della Filt-Cgil, al termine della riunione al ministero. “È un’intesa importante che riduce per 285 persone la cassa integrazione rispetto al periodo invernale dello scorso anno. In più, è prevista la riqualificazione del personale di terra”. Ivan Viglietti, segretario nazionale della Uiltrasporti, sottolinea che “è stato un accordo sofferto” ma “abbiamo fatto un passo in avanti per la riduzione della cassa rispetto ad un anno fa.

Le principale sigle sindacali sottolineano che “permane la preoccupazione per le sorti della compagnia” spiegando che l’anticipo della scadenza a dicembre “è stato richiesto da noi per ottenere finalmente certezze circa il rifinanziamento strutturale del fondo di solidarietà del trasporto in scadenza il prossimo dicembre” e “per la necessità di conoscere gli intendimenti sul piano” industriale. “Ora il governo – sottolineano Filt Cgil, Fit Cisl e Uiltrasporti – deve fare la propria parte, assumendosi le responsabilità con un piano di vero rilancio della compagnia, che consenta la piena occupazione e l’avvio del confronto sul rinnovo del contratto nazionale sezione vettori”.

Per quanto riguarda i versanti finanziari e l’operatività in senso stretto – si legge in una nota emessa dall’ex compagnia di bandiera – la gestione commissariale di Alitalia “adotterà le misure e le soluzioni di volta in volta maggiormente idonee a contemperare le esigenze, da un lato, di contenimento e ottimizzazione dei costi e, dall’altro, di continuità del servizio, tenuto conto dei riflessi stagionali tipici del trasporto aereo”. Alitalia si è impegnata “a rafforzare i percorsi di formazione e riqualificazione dei lavoratori interessati dal programma di cigs al fine di favorire la possibile ricollocazione del personale nel ciclo produttivo”.

La proroga della cassa integrazione arriva a pochi giorni dal rinvio della scadenza per la newco – composta da Ferrovie dello Stato, ministero dell’Economia, Atlantia e Delta Airlines – per presentare l’offerta vincolante all’acquisto della compagnia. La proroga è stata concessa “al fine di permettere al consorzio acquirente di definire i dettagli del piano di rilancio della compagnia aerea”. Lo scorso 5 agosto era stata la holding Atlantia, che controlla Autostrade, ad avanzare la proposta.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Caporalato, NoCap lancia la prima filiera etica per assumere le vittime con contratti regolari: “Grande distribuzione nel rispetto della legge”

prev
Articolo Successivo

Forze dell’ordine, al via 12mila assunzioni: chiamate dopo l’ok della Corte dei Conti. Il premier: “Sicurezza priorità per il governo”

next