Mara Venier è tornata a condurre la sua Domenica In su Rai 1, prendendosi una grande rivincita dopo che qualche anno fa i vertici di Viale Mazzini l’avevano esclusa dal palinsesto. E proprio di questo suo ritorno, accompagnato da un grande successo di pubblico, la “signora della domenica” ha parlato in una lunga intervista a Repubblica, raccontando tutta la sua verità su quanto accaduto.

“Il pubblico una volta erano tutti lì, facevo otto milioni e anche oltre -ha spiegato Mara Venier -. Oggi la gente è dispersa tra canali e web e dobbiamo tenere botta. Ricordo edizioni fantastiche ma ero una pedina in un gioco che non controllavo nemmeno un po’. Avevo paura di tutto e tutti, un’ansia ogni volta. Oggi ho accettato di tornare e ho detto: ‘Si fa a modo mio o niente’. E mi prendo la responsabilità di tutto”, ha raccontato la Venier senza mezzi termini.

“Ho chiesto di farlo come volevo io, prendendomi qualche rivincita dopo che mi avevano buttato via come vecchia – ha aggiunto -. L’ho presa malissimo, ma non ho fatto né scenate né interviste rancorose. Sono stata nel mio, poi è arrivata Maria De Filippi che mi ha chiamato a Mediaset e sono rinata“, ha concluso con un sorriso.

Qualche sera fa Mara Venier era stata ospite di Bruno Vespa a Porta a Porta e si era raccontata a cuore aperto, mostrando il suo lato più intimo e emotivo parlando della madre scomparsa dopo una lunga malattia. “Sono stati tre anni difficili. Avevo un rapporto forte con lei e quando se n’è andata sono stata molto male – ha raccontato Mara -. È stato terribile. Quando sono crollata mi sono resa conto di essere entrata in una spirale di depressione“, ha ammesso visibilmente commossa.”In quel momento è arrivato Claudio, mi è tornata la felicità, mi è tornato il sorriso. Claudio è stato un dono dal cielo”, ha concluso la Venier ritrovando così il suo solito sorriso.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Friends compie 25 anni, il celebre divano arancione arriva a Roma: ecco quando e dove ci si potrà sedere sopra

next
Articolo Successivo

Demi Moore rivela: “Ashton Kutcher mi ha tradito due volte. Per lui ho detto sì a fare sesso a tre”

next