Mettetevi comodi. Il divano di Friends sta facendo il giro del mondo e passerà anche da Roma. Velluto trapuntato in arancione bruciato, schienale alto, braccioli arrotolati modello sofà e frangetta bassa verso il pavimento, il celebre ed iconico oggetto di scena visto sia durante la sigla che nel set Central Perk, è concretamente in tour per il mondo a celebrare i 25 anni della messa in onda della sit-com ideata da David Crane e Marta Kauffman. Dopo un breve tappa all’hotel Excelsior del Lido di Venezia durante il festival del cinema, sarà la volta di Piazza Barberini a Roma sabato 21 e domenica 22 settembre.

Il divano dove sedevano Ross, Rachel&Co. sarà collocato proprio di fronte alla Fontana del Tritone e chi vorrà si potrà sedere sopra riassaporando le atmosfere newyorchesi dei suoi beniamini. Sono infatti trenta gli esemplari di divano che stanno girando il mondo per celebrare Friends. Candeline che si spegneranno proprio il 22 settembre, dato che lo stesso giorno del 1994 la Nbc mise in onda la prima puntata di una lunga serie che arrivò fino al 2004 dopo 236 episodi. Il divano di Roma si sposterà in Italia ancora a Pisa e a Lucca. Qui rimarrà dal 30 ottobre al 3 novembre all’interno degli spazi del Lucca Comics & Games Fan Events. Gli altri 29 esemplari di divano Friends avranno ulteriori e spettacolari collocazioni spaziali. Basta sbirciare sul sito della Warner Bros per capire di cosa parliamo. Non a caso viene chiamato il divano globetrotting. Una copia la si vede sull’orlo del precipizio tra le rocce del Grand Canyon. Un’altra al Sony Center di Berlino. Un’altra ancora sull’Empire State Building, e un’altra nel castello di Edimburgo.

Per non dire dei divani che finiranno al palazzo reale di Madrid, a Dubai, e perfino in Australia. Il Friendsgiving, insomma, sta per iniziare. E mentre rimbalza su tutti i social la confessione di Jennifer Aniston dove afferma di aver dovuto perdere più di dieci chili per interpretare Rachel, il team organizzatore delle celebrazioni ha voluto giocare anche grazie alla complicità di Google. Fin da oggi potrete divertirvi cercando i sette “easter egg” che sbucano a seconda del personaggio della sit-com che cercate online. Se ad esempio provate a digitare su Google “Ross Geller” vi appare subito il divano in questione (Ross/David Schwimmer ci si sedeva spesso in mezzo). Se cliccate sull’icona del divanetto lo schermo si inclinerà e sentirete la voce di Ross che dice: “Pivot!”. Dopo qualche click il divano si spezzerà in due e la voce di Ross dirà “I can’t pivot anymore” riportando una battuta dell’episodio 16 di Friends. Altro esempio: digitate Phoebe Buffay. Vi apparirà di fianco al suo nome una chitarra. Se cliccate sulla chitarra apparirà un grazioso gattino grigio a passeggio sullo schermo e intanto la voce di Lisa Kudrow canterà la hit di culto “Gatto rognoso” in originale Smelly Cat. Provate poi a fare la stessa cosa con Joey Tribbiani, Chandler Bing, Rachel Green e Monica Geller. Infine una curiosità proprio sul divano di Friends. In una vecchia intervista il set decorator, Greg Grande, raccontò come fu del tutto casuale il ritrovamento del divano, piuttosto malmesso, tra decine di oggetti in disuso in un magazzino della produzione Warner.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Cagliari, trova portafogli con 450 euro e lo riconsegna alla proprietaria

next
Articolo Successivo

Mara Venier: “Mi chiamavano vecchia, adesso decido tutto io”

next