Sorriso dolce, senza un filo di trucco, bella, vestita tutta di nero con occhialini colorati e un anello in cui spicca il nome del padre “Eros”. Incontriamo Aurora Ramazzotti in centro a Milano. A soli 22 anni ha già vissuto sulla sua pelle momenti difficili, bui, per toccare il fondo e risalire grazie allo sport e alla disciplina. Essere figli privilegiati ha una infinità di vantaggi, ma il rovescio della medaglia la “gente comune” non la conosce ed è fatta anche di minacce, perdita della privacy e il dito sempre puntato, ventiquattro ore su ventiquattro. Oggi Aurora è radiosa, fa spallucce al passato e guarda avanti con la voglia di imparare quante più cose possibili per essere perfetta, o quasi.

Dopo le esperienze in tv con il daily di X Factor per tre anni e come inviata speciale in “Vuoi scommettere?”, Aurora si è lanciata anima e corpo in radio e va in onda su RTL 102.5 (dalle 15 alle 17) e su Radio Zeta (dalle 17 alle 19). “Quando mi è stato comunicato che c’era la possibilità di fare una prova in radio su RTL 102.5, – racconta a FqMagazine Aurora – ero al settimo cielo. E’ importante che qualcuno dall’altra parte creda in te ed è importante che la tua voce arrivi nella maniera giusta. Ho sempre usato la radio come colonna sonora dei miei viaggi e l’ho ascoltata quando andavo a scuola alla mattina. Ad esempio, mi sintonizzavo spesso su M20 perché adoro i programmi dove si parla parecchio. Il fatto che stavolta ci sia io dall’altra parte mi piace molto, ci sono cose che vorrei dire, sto imparando, è uno strumento forte per arrivare alle persone”.

Il primo amore però non si scorda mai, ossia la televisione. “Non ho intrapreso un’altra strada – spiega – ormai è molto difficile in questo Paese rifuggire da una etichetta ben definita. Amerei fare tv tutta la vita, ma ci deve essere lo spazio giusto, anche perché non posso andare a fare la prima cosa che capita. Vorrei affrontare dei progetti che possano anche rispecchiare un po’ la mia personalità”. Del resto Aurora l’aria del mondo dello spettacolo l’ha respirata fin da piccola grazie ai genitori Michelle Hunziker ed Eros Ramazzotti. “Loro mi hanno sempre supportato e sono sempre stati al mio fianco anche nei momenti difficili”, rivela Aurora.

L’adolescenza è stato un momento della sua vita travagliato. Non deve essere stato facile per la piccola Aurora affrontare l’attacco continuo degli haters, degli invidiosi e anche di chi continua a scriverle sui social: “Tua madre è più bella di te”. “Non mi dà fastidio. – ci spiega – Però è ovvio che mi spiace per le persone che scrivono queste cattiverie, chi si prende la briga di insultarmi non sta bene, non ha una vita. Se vedo che c’è uno che scrive cattiverie mi fa pena. Sul fenomeno degli haters in generale, e non parlo di me, penso che non dia fastidio quella persona, quel commento, ma dà fastidio che quelle parole possano condividerlo più persone. Anche perché molti sul web si influenzano a vicenda nei giudizi. Detto ciò, io sto bene con me stessa e non ho bisogno di conferme”.

Aurora si distingue sui social e nelle interviste per il senso della misura e la grande maturità, nonostante sia giovanissima. Un esempio? Come ha gestito la curiosità morbosa dopo la separazione tra il papà Eros e Marica Pellegrinelli. Infatti in una intervista a “Oggi” ha speso belle parole per Marica, usando toni distensivi con un grande rispetto per la loro storia e il nucleo familiare (“avrà sempre un posto nella mia vita”). “Ho rilasciato quella intervista, pensando al peso delle parole e sempre nel rispetto dei diretti interessati, ma anche di chi legge. – racconta Aurora – Ho detto quello che penso veramente su Marica e soprattutto, la cosa più importante è che non sono fatti miei. Io ho vissuto con loro, poi sono andata via perché ho fatto un mio percorso. Per me è sempre stato importantissimo il benessere dei miei genitori e questo deve essere fondamentale per tutti. Ognuno di noi ha vissuto delle incomprensioni, a tutti i giorni e a tutte le ore, poi c’è il fattore della fama e immediatamente si è sotto l’occhio dei riflettori. La cosa più importante sono i bambini, che stiano bene, siano sereni. Infatti sono amatissimi da tutti noi della famiglia. La vita è così: ci si ama, non ci si ama più, e poi ci si ama di nuovo”.

E sull’amore Aurora si illumina, pensando a Goffredo che da tre anni è il suo (invidiatissimo) fidanzato. Un rapporto a distanza tra Londra e Milano che è più forte che mai. Anche Michelle Hunziker ha celebrato la coppia con un post sui social (“sono troppo teneri insieme”). “Non è facile trovare una persona come lui. – spiega Aurora – E’ anti-social, riservato, non gliene fregava niente di questo mondo. Poi sta con me da tre anni e un minimo si è ‘adattato’ anche lui al mondo social. Poi è bono (ride, ndr) e soprattutto un ragazzo intelligente, però tengo a precisare che il mio cambiamento fisico non è dovuto a lui. Non è che ho incontrato un ragazzo e sono cambiata! Il cambiamento viene da dentro. Lui si è innamorato di me quando ero nel pallone totale e io ad oggi gli chiedo ancora come avesse potuto scegliermi. Lui mi ha sempre detto che aveva amato di me, sin dal primo momento, la persona che ero. Non è scontato trovare ragazzi così, lo so. Anche ascoltando le mie amiche mi rendo conto che ci sono relazioni complicate. Spesso l’amore è il nulla se non ci sono il rispetto e la leggerezza. Quando ho conosciuto Goffredo mi sembrava strano il suo modo di gestire le cose, perché può sembrare menefreghista o che se la tira. Lui ha capito che molte cose non sono importanti, quindi se le lascia scivolare addosso. Non si stressa, ma non vuol dire che non gli interessi quello che sta accadendo in quel momento. Poi non è detto che quello che lui pensa sia importante lo sia realmente, ma è proprio il suo modo di vivere la vita che gli invidio. Spero davvero possa trasmettermi un po’ di questa qualità”.

(Credits foto @martidall)

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Crozza-Renzi è il malvagio Joker: “Non voglio far cadere il Governo. Voglio solo farvi tanto male”

prev
Articolo Successivo

Giulia De Lellis, il suo libro in vetta alle classifiche. E alcune frasi già virali: “Sono schifata! Quanto? Prendete ciò che vi fa venire la nausea… mescolate fino a ottenere un composto di me***”

next