Torna Verissimo, e come sempre il parterre di ospiti si annuncia ricco. Silvia Toffanin sa come guidare la ‘macchina perfetta’ del suo contenitore pomeridiano, e in questa puntata di sabato 14 settembre con lei ci saranno Ilary Blasi e Alvin (che si preparano a condurre Eurogames), Giulia De Lellis, Enrico Brignano, Alberto Urso, Virginia e Vicktorija Mihajlovic, in studio per parlare del padre Sinisa e della malattia che sta affrontando con coraggio e determinazione.

Ma non è finita qui: dopo il secco “no” che la Toffanin ha rifilato a Pamela Prati (secondo Dagospia, la ex donna del Bagaglino avrebbe chiesto cifre altissime per partecipare al programma di Canale5), Verissimo ‘porta a casa’ una signora del piccolo schermo e un’icona Rai, Antonella Clerici. Un ‘colpaccio’, anche perché ‘Antonellina’ è rimasta esclusa dai palinsesti Rai e la decisione di raccontarsi proprio sulla rete ammiraglia concorrente fa rumore: “Mi manca un po’ la tv perché mi è stata tolta in maniera ingiusta – ha detto la ex conduttrice de La Prova Del Cuoco – brusca e senza motivazione. Mi manca di non poter avere della progettualità, se non per cose piccole, quando ero abituata a cose più importanti”.

E l’amarezza della Clerici, pur contenuta dall’educazione e dal rispetto per l’azienda della quale farà ancora parte fino a giugno, traspare: “La Rai è un’azienda che amo molto. Sono 34 anni che sono lì e negli anni si avvicendano spesso tante persone, e non puoi piacere a tutti. Arriva magari un direttore che ama di più altre persone, che cerca un po’ di metterti nell’angolo, è normale. Poi penso, perché? Non è che vedo fenomeni. La mia esperienza – ha aggiunto – secondo me è ancora molto importante. Anche perché io non chiedevo molto. Ho chiesto solo di fare le cose che già facevo. Mi ero già tolta dal quotidiano. C’è stato tutto questo gran caos per delle banalità, per dei dispetti”. Insomma, Verissimo torna e lo fa confermandosi uno dei programmi di riferimento del’intrattenimento generalista.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Tale e Quale Show, Carlo Conti parte bene su RaiUno con il 21,5% di share. Rivelazione Lidia Schillaci, criticato Francesco Monte: “Mahmood lo querela, giusto?”

prev
Articolo Successivo

Rocco Siffredi racconta il grande trauma della sua vita: “Così ho visto mio fratello morto. Mia madre mi mordeva le braccia”

next