Rocco Siffredi e Pierluigi Diaco si sono incontrati dopo aver partecipato alla stessa edizione de L’Isola dei Famosi. Un’occasione, quella del reality di Canale5, nella quale i due mostrarono non certo un grande affiatamento, anzi: il “momento della pace” è arrivato durante la prima puntata di Io e Te di Notte, lo show condotto da Diaco che si è spostato in seconda serata. Il pornoattore ha raccontato tanti episodi della sua vita. Tra questi, una parte della sua infanzia molto difficile: “Mia madre l’ho vista soffrire sempre. – ha detto Siffredi – Una donna che perde un figlio di 12 anni per una crisi epilettica, io ne avevo 6, e tutto ad un tratto impazzisce”. Un racconto molto intimo e toccante: “Mia mamma metteva da mangiare sul tavolo anche per mio fratello Claudio che non c’era più. Mio padre le chiedeva di smettere ma lei era sicura che sarebbe tornato. Quando mangiavo e avevo delle abitudini che ho ancora oggi, come mettere il pomodoro di lato sul piatto, mia madre prendeva il piatto e me lo spaccava in testa. Si arrabbiava, mi mordeva le braccia. Io però la guardavo con molta tranquillità e pensavo a quanto soffriva”. E i ricordi dell’infanzia per Rocco iniziano proprio a 6 anni: “Sono all’asilo, mi vengono a prendere: non è come al solito mia sorella ma una vicina di casa. Mi porta a casa e io sento le grida sotto casa, mia madre che gridava. Allora salgo in casa, vedo che tutti tenevano mia madre e mio fratello era sdraiato sul letto già morto. Entro nella mia stanza, non capisco nulla: c’erano tutti i palloncini di un compleanno, li faccio scoppiare tutti. Da lì in poi mi ricordo la mia vita”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Verissimo, torna Silvia Toffanin e ospita Antonella Clerici: “La tv mi è stata tolta in maniera ingiusta… Eppure non è che vedo fenomeni”

next
Articolo Successivo

Verissimo, Ilary Blasi: “Io ho la farfallona”. Le gag con Silvia Toffanin impazzano in rete (e in molti chiedono che le due conducano un programma insieme)

next