“Che c’entra la conduzione di Temptation Island Vip con quella di un programma sportivo?”. La veterana Paola Ferrari attacca un’altra veterana, e collega, passata di nuovo in Rai, Simona Ventura. La “Simo” tornerà domenica 15 settembre alle 12 con La Domenica Ventura. E lo farà occupandosi a modo suo di calcio. Un’inversione ad U rispetto all’ultima conduzione del “reality” di Canale5 con le coppie di celebrities nostrane che scoppiano. Non che la Ventura sia nuova al settore anzi, basterebbero i dieci anni come presentatrice tra colpi di scena e querelle politiche a Quelli che… il calcio (2001-2011), ma la Ferrari, anche lei dal campionato di calcio 2019/2020 di nuovo alla conduzione della storica Domenica Sportiva assieme a Jacopo Volpi, ha voluto rimarcare i suoi dubbi in un’intervista rilasciata al settimanale Chi.

“Sicuramente lei è la più brava conduttrice che ci sia per alcuni programmi, ma devo vedere come affronterà questa sfida – ha spiegato la Ferrari – Di certo sarà divertente, ma non riesco a capire la connessione fra Temptation Island Vip, che ha condotto lo scorso anno, e un programma sul calcio”. “Paola è un’amica – ha risposto in un’intervista pubblicata sul Corriere la Ventura – Disse la stessa cosa quando passai dal calcio all’intrattenimento: nel 1994 mi portò fortuna e spero faccia altrettanto oggi. E comunque: glielo faccio vedere domenica prossima come si fa a passare da Temptation al calcio”. E se la Ventura prossima alle nozze con l’amore ritrovato di Giovanni Terzi lascia cadere la polemica, è la Ferrari a criticare un’altra collega, Diletta Leotta: “Rischio di vederla a Sanremo e spero che non accada. La Leotta mi piace, è brava, simpatica, divertente, ha proprietà di linguaggio e buca il video al di là delle forme, ha tutte le carte in regola ma secondo me non vuole diventare la nuova Ilaria D’Amico: la svolta che ha avuto mi sembra la avvicini a Belen più che a Monica Vanali o Anna Billò”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Escursionista raccoglie pannolino in un sentiero e lo porta con sé per due ore. Ai genitori scrive: “Vostro figlio mi fa pena”

next
Articolo Successivo

Nadia Toffa, Gianluigi Nuzzi la ricorda insieme alla madre: “Sono molto emozionata. Grazie al suo pc abbiamo scoperto le sue idee, abbiamo bisogno di voi per portarle avanti”

next