Un mese fa un angelo saliva al cielo. Era una mia cara amica. Era un’amica di milioni di italiani, Nadia Toffa”. È Gianluigi Nuzzi a postare un video su Instagram per ricordare la giornalista e presentatrice tv morta il 19 agosto 2019 dopo una lunga malattia. Accanto al conduttore di Quarto Grado, in un tavolo di ristorante, appare la madre della Toffa. “Ho fatto una scelta, andare a Brescia e condividere con i genitori di Nadia delle cose da dire”, introduce Nuzzi che poi passa la parola alla signora Margherita. “Sono molto emozionata, il calore che ci hanno dato tutti, l’amore delle persone venute alla camera ardente e al funerale, ci hanno consolato. Non pensavamo ci fosse tutto questo affetto – spiega commossa la donna – li ringrazio tutti e spero rimangano vicini a quello che voleva Nadia, al suo essere guerriera, al portare avanti sue lotte”. La madre di Nadia Toffa ricorda che è il momento di raccogliere l’eredità della figlia, un’eredità di idee e coraggio, probabilmente nel concreto una serie di spunti che riguardano possibili future inchieste delicate come la conduttrice tv era riuscita a fare occupandosi, tra le altre cose, dell’inquinamento ambientale della Terra dei Fuochi. “Aprendo il suo computer abbiamo scoperto le tante idee che aveva – ha concluso la madre – Ci faremo aiutare anche se siamo un po’ anziani. Non dobbiamo demordere. Per questo abbiamo bisogno di voi”.

Visualizza questo post su Instagram

A un mese da quando Nadia è’ salita in cielo il mio dialogo integrale con mamma Margherita che lancia un appello per le battaglie della figlia

Un post condiviso da Gianluigi Nuzzi (@gianluigi.nuzzi) in data:

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Simona Ventura risponde a Paola Ferrari: “Glielo faccio vedere io domenica prossima come si fa a passare da Temptation Island al calcio”

next
Articolo Successivo

Fred De Palma a FqMagazine: “Odio il gossip e trovo che ormai sia totalmente trash. Se ho qualcosa da dire, la dico fuori dai social”

next