Nessuno è immune dagli insulti social e questa volta a finirne vittima è Alessio Falsone, il fidanzato della nuova Miss Italia Carolina Stramare. Il giovane è stato preso di mira dagli haters perché considerato “troppo brutto per stare con lei“. Eppure Alessio ha un fisico statuario, con i muscoli scolpiti, e il sorriso radioso, ma questo non è bastato a quanti, dopo aver visto una foto pubblicata tempo fa su Instagram da Carolina, hanno commentato: “Ma perché ragazze così belle si accontentano di così poco?” o a chi le ha addirittura consigliato di lasciarlo.

Nella foto in questione i due fidanzati appaiono insieme e la neo Miss italia gli dedica un verso di Domenico Modugno. Oltre ai tanti insulti però, c’è anche chi invece difende il giovane, sottolineando il fatto che con Carolina forma una bellissima coppia.

Visualizza questo post su Instagram

Tu si ‘na cosa grande….

Un post condiviso da Carolina Stramare (@carolinastramare_) in data:

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

X Factor 13, Sofia in arte Kimono conquista tutti: ecco dove l’avete già vista

next
Articolo Successivo

“La pizza protegge da malattie e morte, purché fatta e mangiata in Italia”: con questa improbabile ricerca va all’Italia l’Ig Nobel per la Medicina

next