Matteo Salvini al fianco del figlio del boss di camorra. Il selfie è stato pubblicato su Facebook da Antonio Matrone, detto Michele, figlio di Franchino “a belva”, uno dei killer più spietati alla corte di Pasquale Galasso e Carmine Alfieri a Scafati, nel Salernitano, condannato all’ergastolo nel 2009 e inserito per cinque anni nella lista dei super latitanti più pericolosi d’Italia fino al suo arresto nell’agosto 2012. La fotografia è stata pubblicata dal quotidiano Metropolis questa mattina in edicola e ha scatenato la reazione dei Cinquestelle Andrea Caso e Francesco Urraro, membri campani della Commissione parlamentare Antimafia che hanno chiesto a Salvini di “chiarire al più presto la sua posizione”. Una richiesta che, riferisce l’Ansa, ha il “pieno appoggio” del presidente dell’Antimafia, Nicola Morra.

Il selfie che ritrae Salvini in compagnia del figlio del boss Matrone è stato scattato a Vignola, in provincia di Modena, dopo un comizio del leader della Lega tenutosi domenica. Nel postare la foto su Facebook, Matrone ha scritto: “Un caffè insieme al mio caro amico Matteo”. Antonio Matrone, riporta sempre il quotidiano Metropolis, ha gestito per anni un’impresa di onoranza funebre ed è stato condannato in primo grado per estorsione, intestazione fittizia, usura e riciclaggio. Il suo nome viene citato anche nella richiesta di rinvio a giudizio firmata dal pm Giancarlo Russo della Dda di Salerno per l’indagine parallela all’omicidio di Armando Faucitano, ucciso per un debito di droga a Scafati nell’aprile 2015. Da qualche anno, Matrone vive in Emilia Romagna.

“Siamo rimasti allibiti”, dichiarano Caso e Urraro che, insieme alla portavoce Virginia Villani della Commissione Lavoro alla Camera, riferiscono di aver ricevuto i commenti indignati di alcuni cittadini. “Il ministro del ‘più selfie per tutti’ ci ha abituati in 14 mesi ad ogni tipo di foto, ballo ed esibizione canora, ma, se la politica balneare al Papeete poteva farci pure sorridere, qui invece c’è da piangere perché getta ombre su una persona che è stata ministro dell’Interno fino al giuramento del nuovo wsecutivo. Per questo motivo chiediamo pubblicamente a Salvini di chiarire al più presto la sua posizione, meglio ancora se lo facesse in Commissione Antimafia”, spiegano i due parlamentari pentastellati.

“Il segretario della Lega ci dica se la foto è stata scattata quando era ministro, se è davvero amico di Michele Matrone ed i suoi rapporti con lo stesso. Poco conta dove è stata fatta, scandalizzano certi comportamenti da parte di chi aveva il compito di contrastare la criminalità organizzata. Certe foto non sono solo passaggi per i social network, come un cittadino onesto potrebbe pensare. No, al Sud certe foto sono molto di più, sono lette talvolta dalle sigle mafiose locali come l’apertura di uomini dello Stato a poteri antistatali”, proseguono Caso e Urraro. “Specie quando la Lega è al governo della città – sottolineano ancora i due parlamentari campani – come in provincia di Salerno, a Scafati (comune sciolto per camorra nel 2017), dove il clan Matrone è stato protagonista di loschi rapporti tra politica e camorra”. “Adesso c’è il rischio che questo selfie possa essere interpretato come un pericoloso messaggio e noi non possiamo assolutamente consentire che la questione passi in secondo piano. Salvini chiarisca subito”, concludono i due Cinquestelle.

Giustizia di Fatto - Ottieni i i dossier e le informazioni più importanti per essere sempre informato su tutto ciò che avviene nell'ambito della Giustizia

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Ponte Morandi, gli agenti della Dia nel cantiere: interdittiva antimafia all’azienda ritenuta legata alla Camorra

next
Articolo Successivo

Salerno, la denuncia di Borrelli (Verdi): “Cantante neomelodico canta in strada e fa dedica a chi sta al 41bis”

next