Matteo Salvini al fianco del figlio del boss di camorra. Il selfie è stato pubblicato su Facebook da Antonio Matrone, detto Michele, figlio di Franchino “a belva”, uno dei killer più spietati alla corte di Pasquale Galasso e Carmine Alfieri a Scafati, nel Salernitano, condannato all’ergastolo nel 2009 e inserito per cinque anni nella lista dei super latitanti più pericolosi d’Italia fino al suo arresto nell’agosto 2012. La fotografia è stata pubblicata dal quotidiano Metropolis questa mattina in edicola e ha scatenato la reazione dei Cinquestelle Andrea Caso e Francesco Urraro, membri campani della Commissione parlamentare Antimafia che hanno chiesto a Salvini di “chiarire al più presto la sua posizione”. Una richiesta che, riferisce l’Ansa, ha il “pieno appoggio” del presidente dell’Antimafia, Nicola Morra.

Il selfie che ritrae Salvini in compagnia del figlio del boss Matrone è stato scattato a Vignola, in provincia di Modena, dopo un comizio del leader della Lega tenutosi domenica. Nel postare la foto su Facebook, Matrone ha scritto: “Un caffè insieme al mio caro amico Matteo”. Antonio Matrone, riporta sempre il quotidiano Metropolis, ha gestito per anni un’impresa di onoranza funebre ed è stato condannato in primo grado per estorsione, intestazione fittizia, usura e riciclaggio. Il suo nome viene citato anche nella richiesta di rinvio a giudizio firmata dal pm Giancarlo Russo della Dda di Salerno per l’indagine parallela all’omicidio di Armando Faucitano, ucciso per un debito di droga a Scafati nell’aprile 2015. Da qualche anno, Matrone vive in Emilia Romagna.

“Siamo rimasti allibiti”, dichiarano Caso e Urraro che, insieme alla portavoce Virginia Villani della Commissione Lavoro alla Camera, riferiscono di aver ricevuto i commenti indignati di alcuni cittadini. “Il ministro del ‘più selfie per tutti’ ci ha abituati in 14 mesi ad ogni tipo di foto, ballo ed esibizione canora, ma, se la politica balneare al Papeete poteva farci pure sorridere, qui invece c’è da piangere perché getta ombre su una persona che è stata ministro dell’Interno fino al giuramento del nuovo wsecutivo. Per questo motivo chiediamo pubblicamente a Salvini di chiarire al più presto la sua posizione, meglio ancora se lo facesse in Commissione Antimafia”, spiegano i due parlamentari pentastellati.

“Il segretario della Lega ci dica se la foto è stata scattata quando era ministro, se è davvero amico di Michele Matrone ed i suoi rapporti con lo stesso. Poco conta dove è stata fatta, scandalizzano certi comportamenti da parte di chi aveva il compito di contrastare la criminalità organizzata. Certe foto non sono solo passaggi per i social network, come un cittadino onesto potrebbe pensare. No, al Sud certe foto sono molto di più, sono lette talvolta dalle sigle mafiose locali come l’apertura di uomini dello Stato a poteri antistatali”, proseguono Caso e Urraro. “Specie quando la Lega è al governo della città – sottolineano ancora i due parlamentari campani – come in provincia di Salerno, a Scafati (comune sciolto per camorra nel 2017), dove il clan Matrone è stato protagonista di loschi rapporti tra politica e camorra”. “Adesso c’è il rischio che questo selfie possa essere interpretato come un pericoloso messaggio e noi non possiamo assolutamente consentire che la questione passi in secondo piano. Salvini chiarisca subito”, concludono i due Cinquestelle.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Camorra, 126 arresti: “Ospedale era sede sociale Alleanza di Secondigliano. Il clan aveva una talpa nell’ufficio gip di Napoli”

prev