La senatrice di Fratelli d’Italia Daniela Santanchè è stata ospite dell’ultima puntata de I Lunatici su Rai Radio 2 dove ha parlato del suo rapporto con i social e con i fan, facendo una confessione che ha spiazzato i conduttori: “Gli haters li ho anche io – ha esordito -. Se ho ricevuto richieste stravaganti? Devo dire che qualcosa mi è capitato, ma non più di tanto. Faccio un po’ paura. Però qualche richiesta strana è arrivata anche a me. Mi ricordo tempo fa che un signore mi scrisse se potevo portarlo in giro una notte al guinzaglio. Mi ha fatto ridere, la mente umana è strana”, ha rivelato la Santanchè.

Poi si torna a parlare di politica e i due conduttori le chiedono un parere su Matteo Salvini e le sue ultime mosse politiche: “Ha sbagliato i tempi della crisi. Capisco che ha staccato la spina, un po’ tardi, ma stare con i Cinque Stelle ci vuole un gran fegato – ha risposto la senatrice -. Avrà capito anche Salvini che loro avevano un programma opposto a quello promesso agli elettori della Lega. Salvini ha fatto qualche errore, ma noi non siamo qui per buttargli la croce addosso”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Chiara Ferragni, cinema di Torino decide di non proiettare il suo docufilm. Scoppia la polemica

next
Articolo Successivo

Carro funebre a tutta velocità in autostrada, la polizia lo insegue: “In ritardo per un funerale”

next