Guidava un carro funebre a una velocità oltre il limite consentito. A bordo, una cassa da morto vuota. Quando la polizia Stradale di Palmanova (Udine) l’ha fermato, il conducente ha spiegato di essere in ritardo per un funerale e, senza aspettare oltre, ha chiuso il finestrino ed è ripartito alla stessa velocità. A quel punto è iniziato un inseguimento con un un’ulteriore pattuglia per poter fermare in sicurezza il veicolo. Alla vista delle due auto, il mezzo ha accostato: gli agenti hanno potuto appurare che la cassa da morto era vuota e che vi era un’autorizzazione al trasporto di una salma da Trieste a Milano. Il conducente è stato autorizzato a ripartire, ma è stato sanzionato per le violazioni al codice della strada commesse e per non aver immediatamente acconsentito all’ispezione del mezzo. Multa di 400 euro e decurtazione di 11 punti dalla patente. Il fatto è accaduto lungo l’A4.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Daniela Santanchè: “Un uomo mi ha chiesto se potevo portarlo in giro una notte al guinzaglio”

next
Articolo Successivo

Ornella Vanoni: “Quando morirò venderanno due dischi, scriveranno due cagate su di me e poi puff sparisci”

next