“Continueremo a combattervi”. Il leader di al-Qaeda Ayman al-Zawahiri diffonde un vide nel diciottesimo anniversario degli attentati dell’11 settembre contro le Torri gemelle e incita al jihad. Nel filmato, di cui dà notizia Site, il successore di Osama bin Laden ha quindi rivolto un appello a tutti i musulmani a sferrare attacchi contro obiettivi americani, europei, israeliani e russi.

Tra i Paesi europei contro cui al-Zawahiri, che fu medico personale di bin Laden, esorta a combattere ci sono, in particolare, la Francia e la Gran Bretagna. Il leader di al-Qaeda ha quindi “difeso” gli attentati dell’11 settembre, criticando quei jihadisti che hanno fatto “marcia indietro”. Il riferimento è agli ex jihadisti che hanno modificato la loro posizione in carcere e che hanno definito “inaccettabili” gli attacchi dell’11 settembre in quanto hanno causato vittime civili.

Succeduto a Osama bin Laden dopo la sua uccisione da parte delle forze speciali americane nel 2011 in Pakistan, al-Zawahiri ha quindi chiesto ai jihadisti di attaccare le forze occidentali nel mondo come “rappresaglia per i loro crimini commessi in Palestina e per il loro sostegno a Israele”. Nel video messaggio trasmesso dal braccio mediatico di al-Qaeda, as-Sabah, Zawahiri si rivolge ai “miei fratelli Mujahid in Palestina e nel resto dell’Ummah (la nazione, ndr) musulmana”.

“Gli interessi di Israele e dei suoi alleati americani, britannici, francesi, russi ed europei sono sparsi ovunque nel mondo”, ha aggiunto. Affermando che Israele e i suoi alleati hanno “soffocato il Jihad’’ nei Territori palestinesi, il leader di al-Qaeda ha detto che “fino a quando cospirano e uniscono le loro forze contro di noi in ogni luogo, noi dobbiamo inseguirli ovunque, in ogni momento. Siate originali e creativi nei vostri metodi”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Grecia, “scomparsi” da una base militare due missili anticarro, mine e granate. Dieci funzionari in quarantena

prev
Articolo Successivo

Khashoggi, diffusi audio dell’omicidio: ‘Dopo averlo smembrato, le parti nei sacchetti’. Le ultime parole del giornalista: ‘Mi soffocherete’

next