Dopo aver rifiutato l’invito della regina Elisabetta a raggiungerla nella sua tenuta scozzese di Balmoral, Harry e Meghan sono volati a New York con il piccolo Archie. Un viaggio dell’ultimo minuto, salito alla ribalta perché la Duchessa del Sussex ne ha approfittato per comparire a sorpresa tra il pubblico della finale dell’Us Open, il prestigioso torneo americano di tennis, che ha visto sfidarsi sul campo Serena Williams e Bianca Andreescu.

Sfoggiando un look sportivo e decisamente informale – abito in jeans, mantella di cachemire e capelli sciolti -, Meghan Markle si è seduta in tribuna d’onore assieme ad Anna Wintour, Gigi e Bella Hadid, Spike Lee e molte altre celebrities. La sua presenza però, sembra non esser stata affatto gradita dal team della tennista americana, Serena Williams, sua grande amica. Come riportano i tabloid britannici infatti, la notizia che la Duchessa avesse deciso all’ultimo momento di prendere l’aereo per volare appositamente negli Stati Uniti per sostenere la sua amica durante una partita così importante ha gettato nel panico lo staff della Williams, convinto che la presenza di Meghan, come si è già potuto constatare nel recente torneo di Wimbledon, porti sfortuna a Serena.

E infatti la Williams ha perso la sua quarta finale consecutiva contro la 19enne Bianca Andreescu, mancando l’obiettivo di vincere il suo 24esimo Grand Slam ed eguagliare il record di 24 vittorie negli Slam detenuto ora dalla tennista australiana Margaret Court. Ma non c’è stato niente da fare, la rivale ha dominato l’incontro e la sconfitta è stata schiacciante. Sicuramente si è trattato di una coincidenza ma, come si legge sui tabloid d’oltre Manica, la convinzione che la Duchessa porti sfortuna a Serena è diventata un nuovo motivo di attacchi nei confronti di Meghan, rilanciata anche sui social.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Elisabetta Gregoraci, la sua auto è guasta e lei rimane a piedi: “Che paura stare fermi al buio in mezzo alla Statale”

prev
Articolo Successivo

Milly Carlucci, la domanda indiscreta dell’aspirante Miss Italia: “Suo marito l’ha mai tradita?”. La sua risposta lascia il gelo in studio

next