Accertamenti su eventuali “danni pubblici” nella ricostruzione post terremoto del 2016. La procura regionale umbra della Corte dei Conti si muove dopo le sollecitazioni degli scorsi mesi arrivate dal numero uno umbro tra i magistrati contabili, Antonio Giuseppone.

Il fascicolo d’indagine – è stato reso noto – riguarda eventuale danni pubblici conseguenti alla mancata o tardiva ricostruzione in seguito al sisma di 3 anni fa, alla mancata adozione del piano di ricostruzione, all’omesso conferimento di incarichi tecnici. Nonché sulla mancata previsione sismica su mappe inadeguate sulla pericolosità sismica.

L’apertura dell’inchiesta è il naturale sbocco delle critiche che la procura contabile umbra aveva reso pubbliche negli scorsi mesi. A marzo, poco prima dell’inaugurazione dell’anno giudiziario, Giuseppone si era detto “un po’ preoccupato” per il “ritardo” nella ricostruzione, che “stenta a decollare”.

Secondo il procuratore generale umbro della Corte dei Conti, già negli scorsi mesi il ritardo cominciava ad assumere “una dimensione sempre meno giustificabile”. “Dal nostro punto di vista – aggiunse – finché i soldi non vengono spesi un danno erariale non si configura. Mi auguro però che la ricostruzione possa partire in tempi rapidi e che tutto proceda rispettando le regole”. Poi aveva auspicato di “non trovare mai” situazioni tali “da determinare un danno per l’erario”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Morte Astori: Procura chiede il rinvio a giudizio per Giorgio Galanti, medico che certificò l’idoneità all’attività agonistica

next
Articolo Successivo

Perugia, archiviate le accuse alla pediatra che denunciò la sanitopoli umbra e che per ritorsione i dirigenti volevano “bastonare”

next