Si ricorre anche ai droni per cercare la sciatrice spagnola Blanca Fernández Ochoa, 56 anni, scomparsa dal 23 agosto. La campionessa olimpica si era allontanata per fare un’escursione in solitaria da cui non è tornata. La sua macchina è stata ritrovata nel Parco Naturale Dehesasil, poco lontano dal municipio di Cercedilla, nella valle di Fuenfria (60 chilometri da Madrid), come scrive El Mundo riportando fonti del 112.

L’ultima testimonianza di Fernández Ochoa in vita risale al 24 agosto: in questa data una cassiera di un supermercato della zona ha detto di aver visto la sciatrice fare la spesa. La famiglia sospetta un incidente e sottolinea come l’atleta conoscesse molto bene l’area, dato che era abituata a fare escursioni. Il 23 agosto era uscita portandosi il necessario, dai viveri all’abbigliamento più adatto per raggiungere quota 2000. Aveva però lasciato il telefono a casa, cosa che farebbe intuire un suo ipotetico rientro in giornata.

Fernandez Ochoa è stata la prima donna spagnola a vincere una medaglia olimpica ai Giochi Invernali con il bronzo nello slalom ad Albertville 1992, una medaglia arrivata vent’anni esatti dopo il successo del fratello Francisco, “Paquito”, a Sapporo nel 1972. Una passione nata in casa: il padre era proprietario di una palestra di sci. E’ fra le atlete più amate di Spagna e la sua scomparsa sta preoccupando i suoi fan, che vorrebbero partecipare in massa alle ricerche. Delle 400 persone coinvolte nelle indagini, infatti, almeno 100 sono volontari che stanno affiancando la Guardia Civile, la Polizia e la Guardia Forestale. Molti altri vorrebbero intervenire, ma le autorità lo sconsigliano perché sarebbero d’intralcio.

Difficile spiegare cosa sia successo, e rimane il dubbio che possa aver avuto un ruolo anche il disturbo bipolare di cui la donna ha sempre sofferto e che da qualche tempo le causava episodi di depressione. Qualcuno pensa a un incidente, qualcuno sostiene abbia perso l’orientamento. Intanto, si continua a cercare.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Anziana entra nel pollaio e muore uccisa dal suo gallo: l’ha colpita su una vena varicosa

next
Articolo Successivo

Arriva nell’alloggio di Airbnb e trova una sorpresa: la camera è un sottoscala con un materassino gonfiabile. Il video

next