Limitazioni del mercato dei cambi e autorizzazione necessaria per il trasferimento di denaro all’estero. L’Argentina vara misure – cancellate nel 2015 – per controllare il mercato dei cambi e lo fa con un decreto presidenziale pubblicato domenica: secondo la norma, la Banca centrale Argentina (Bcra) richiederà autorizzazioni per l’acquisto di valuta straniera (dollari) e il trasferimento all’estero. Vengono fissate anche delle restrizioni per le operazioni in valuta degli esportatori.

Le misure varate d’urgenza, di domenica, cercano di arginare la massiccia fuga di capitali e il forte acquisto di dollari da parte degli stessi argentini come valuta di riserva, in vista del possibile ennesimo default. Il governo ha infatti nei giorni scorsi annunciato di voler ‘riscadenzare’ il debito pubblico, anche quello con il Fondo monetario internazionale (pari a circa 56 miliardi di dollari) con l’obiettivo di una sua rinegoziazione. Una mossa non inattesa vista la crisi economica del Paese, le mancate riforme del governo e la sconfitta alle primarie presidenziali del presidente Mauricio Macri (le elezioni si terranno ad ottobre) ma che ha inasprito ancora più il crollo dei mercati finanziari.

Ora il governo torna indietro su quello che era stato un provvedimento chiave a fine 2015, sollecitato anche dall’Fmi: l’apertura dei mercato dei cambi e la fine del complesso meccanismo di controlli e autorizzazioni realizzato dai precedenti governi peronisti. Per il momento la decisione di autorizzare l’acquisto di valuta straniera è affidata al Bcra che deciderà volta per volta ma è chiaro che si tratta di un passo verso il controllo del mercato dei cambi.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Elezioni Sassonia e Brandeburgo, exit poll: boom dell’estrema destra di AfD, ma fallisce il sorpasso nei due Länder dell’est

next
Articolo Successivo

Bahamas travolte da Dorian, l’uragano più forte della loro storia: turisti italiani evacuati. Gli Usa in allerta per la loro costa orientale

next