“Ti consideriamo un guerriero nella lotta per preservare le radici cristiane dell’Europa e per fermare l’immigrazione“. Il premier ungherese Viktor Orban scrive a Matteo Salvini nel giorno in cui il premier incaricato Giuseppe Conte avvia le consultazioni e il leader della Lega chiama la piazza il 19 ottobre per manifestare contro il governo giallorosso. Nella lettera indirizzata al ministro dell’Interno, Orbana cui Salvini aveva chiesto invano prima delle Europee di aderire al gruppo sovranista e di lasciare il Partito popolare – aggiunge: “Noi ungheresi non dimenticheremo mai che sei stato il primo leader dell’Europa occidentale a contrastare l’arrivo di migranti illegali in Europa attraverso il Mediterraneo“. Poi prosegue: “A prescindere dai futuri sviluppi politici in Italia e dal fatto che apparteniamo partiti diversi in Europa, ti consideriamo un compagno di battaglia nella lotta per preservare le radici cristiane dell’Europa e fermare l’immigrazione”. Salvini ha sempre elogiato Orban per le sue politiche anti migranti, nonostante Budapest sia stata anche denunciata dal Comitato Helsinki per i diritti umani. A maggio il ministro dell’Interno aveva sorvolato il muro costruito al confine con la Serbia per impedire gli arrivi dalla rotta balcanica, reputandolo “un metodo efficace”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Brexit, la corsa dei Labour per la sfiducia a Johnson: “I numeri ci sono”. Ma Boris non si dimetterebbe

prev
Articolo Successivo

Brexit, tribunale di Edimburgo dà ragione a Johnson: respinto il ricorso contro la chiusura del Parlamento

next