“Ti consideriamo un guerriero nella lotta per preservare le radici cristiane dell’Europa e per fermare l’immigrazione“. Il premier ungherese Viktor Orban scrive a Matteo Salvini nel giorno in cui il premier incaricato Giuseppe Conte avvia le consultazioni e il leader della Lega chiama la piazza il 19 ottobre per manifestare contro il governo giallorosso. Nella lettera indirizzata al ministro dell’Interno, Orbana cui Salvini aveva chiesto invano prima delle Europee di aderire al gruppo sovranista e di lasciare il Partito popolare – aggiunge: “Noi ungheresi non dimenticheremo mai che sei stato il primo leader dell’Europa occidentale a contrastare l’arrivo di migranti illegali in Europa attraverso il Mediterraneo“. Poi prosegue: “A prescindere dai futuri sviluppi politici in Italia e dal fatto che apparteniamo partiti diversi in Europa, ti consideriamo un compagno di battaglia nella lotta per preservare le radici cristiane dell’Europa e fermare l’immigrazione”. Salvini ha sempre elogiato Orban per le sue politiche anti migranti, nonostante Budapest sia stata anche denunciata dal Comitato Helsinki per i diritti umani. A maggio il ministro dell’Interno aveva sorvolato il muro costruito al confine con la Serbia per impedire gli arrivi dalla rotta balcanica, reputandolo “un metodo efficace”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Brexit, la corsa dei Labour per la sfiducia a Johnson: “I numeri ci sono”. Ma Boris non si dimetterebbe

next
Articolo Successivo

Brexit, tribunale di Edimburgo dà ragione a Johnson: respinto il ricorso contro la chiusura del Parlamento

next