Felice di “vedere con i miei occhi con quanta efficacia” il governo di Viktor Orbán “contrasti l’immigrazione clandestina”. Questo scrive su Facebook il vicepremier Matteo Salvini mentre in elicottero sorvola il muro anti-migranti eretto al confine tra Ungheria e Serbia. Il ministro dell’Interno è a Budapest per incontrare il premier ungherese e leader sovranista del Gruppo di Visegrad in vista delle prossime elezioni Europee e dei futuri equilibri interni al Parlamento Ue.

“Arrivato a Budapest, accolto dal collega ministro dell’Interno Sándor Pintér. Vi tengo aggiornati”, è stato il primo post di giornata di Salvini. Poi, come riferito dal suo responsabile della comunicazione Luca Morisi, si è recato “in elicottero verso Roeszke (confine Ungheria-Serbia) insieme al ministro dell’Interno magiaro per vedere di persona la efficace strategia di blocco dell’immigrazione clandestina del governo Orbán”. “In Italia, in Ungheria e in Europa si entra solo con il permesso!”, ha scritto ancora Salvini.

La sua visita in Ungheria e la sua vicinanza a Orbán sono stati criticati, non per la prima volta, dal collega di governo Luigi Di Maio. “È difficile combattere l’austerity se ti allei con Orban o con i paesi dell’Est Europa che invece ti fanno la guerra”, ha detto il vicepremier durante la presentazione del programma per le europee del Movimento 5 stelle.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Crescita, Sapelli: “Gomez? Ha ragione. E’ la cultura che cambia le cose, non l’economia”. Stoccata a Di Maio e a suo staff

prev
Articolo Successivo

Dirigente Pd di Torino su scontri No Tav: ‘Hanno assaggiato manganelli’. Poi scuse. I dem anche contro M5s: “Voltastomaco”

next