Sinisa Mihajlovic è stato dimesso dall’ospedale e sarà in panchina con il Bologna anche nel derby emiliano contro la Spal, in programma venerdì. Il tecnico serbo ha lasciato il Policlinico Sant’Orsola-Malpighi dopo 47 giorni di ricovero per il primo ciclo di chemioterapia, utile a sconfiggere la leucemia. L’ex calciatore di Lazio e Inter, si apprende da fonti sanitarie, è in “buone condizioni” e prima delle dimissioni è stato sottoposto a “tutti i controlli necessari”.

Così, dopo l’uscita a sorpresa per la prima giornata di campionato che lo aveva visto protagonista in panchina a Verona, Mihajlovic sarà accanto ai suoi giocatori anche venerdì per il secondo impegno stagionale. La sua lotta, come aveva spiegato negli scorsi giorni il primario di Ematologia del policlinico bolognese, non è ancora terminata ma è sulla giusta strada.

“Devo dare merito al paziente, che ancora una volta è stato scrupoloso e si è attenuto perfettamente alle raccomandazioni e posso anche ritenere che quello che è avvenuto ieri non sia un episodio isolato e mi riferisco alla possibilità di essere in campo”, aveva detto il professore Michele Cavo all’Ansa. “Per contro – ha avvertito – ci saranno altri momenti, quando seguirà altri cicli di terapie, in cui questo, invece, non sarà possibile”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Inter-Lecce, la Curva Nord ‘omaggia’ Diabolik: cori e striscioni per il capoultrà laziale ucciso con un colpo di pistola alla nuca nella Capitale

next
Articolo Successivo

Giorgio Chiellini, lesione del crociato per il difensore juventino: sarà operato

next