Tu la conosci Sonia Grotto? No eh? Ecco, non sei il solo. Nemmeno il 90%, o forse si può azzardare il 100%, degli utenti che “la nostra” ha bloccato su Twitter ha idea di chi sia. Fatto sta che da ieri sera, decine e decine di profili hanno cominciato a essere bloccati dalla signora Sonia, così, senza un vero perché. E la cosa, in men che non si dica, è diventata virale. Della Grotto (che poi ha cambiato nome utente) si sa ben poco. Per esempio è fan di Salvini, e non serve essere Tom Ponzi per arrivare a questa conclusione visto che come immagine in evidenza c’è proprio la faccia del leader della Lega.

È iscritta a Twitter dal 2011 e ha scritto oltre 400mila tweet. Un numero impressionante, quasi impossibile da raggiungere. Tanto che qualcuno ha pensato a un fake, anche perché il profilo della Grotto è chiuso, “lucchettato”, così che lei possa scrivere i suoi pensieri senza paura di essere segnalata e quindi di ritrovarsi con l’account chiuso. Intanto, impazza la “Grotto mania”: chi è stato bloccato lo dice, spesso chiedendosi (come Paola Turci) chi diamine sia la signora. Chi non è stato bloccato vorrebbe esserlo o in alternativa cercare di leggere quel che Sonia scrive. Cosa difficile, visto che la nostra si è fatta una nuova identità e deve prima accettare la richiesta di essere seguita.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Drefgold, marijuana e hashish in casa: a processo il trapper “figlioccio” di Sfera Ebbasta

next
Articolo Successivo

Trapani, i bagnanti offrono aiuto alla venditrice ambulante: “Badiamo noi a tua figlia”. E una di loro racconta: “Un’Italia diversa da quella raccontata sui social”

next