Tu la conosci Sonia Grotto? No eh? Ecco, non sei il solo. Nemmeno il 90%, o forse si può azzardare il 100%, degli utenti che “la nostra” ha bloccato su Twitter ha idea di chi sia. Fatto sta che da ieri sera, decine e decine di profili hanno cominciato a essere bloccati dalla signora Sonia, così, senza un vero perché. E la cosa, in men che non si dica, è diventata virale. Della Grotto (che poi ha cambiato nome utente) si sa ben poco. Per esempio è fan di Salvini, e non serve essere Tom Ponzi per arrivare a questa conclusione visto che come immagine in evidenza c’è proprio la faccia del leader della Lega.

È iscritta a Twitter dal 2011 e ha scritto oltre 400mila tweet. Un numero impressionante, quasi impossibile da raggiungere. Tanto che qualcuno ha pensato a un fake, anche perché il profilo della Grotto è chiuso, “lucchettato”, così che lei possa scrivere i suoi pensieri senza paura di essere segnalata e quindi di ritrovarsi con l’account chiuso. Intanto, impazza la “Grotto mania”: chi è stato bloccato lo dice, spesso chiedendosi (come Paola Turci) chi diamine sia la signora. Chi non è stato bloccato vorrebbe esserlo o in alternativa cercare di leggere quel che Sonia scrive. Cosa difficile, visto che la nostra si è fatta una nuova identità e deve prima accettare la richiesta di essere seguita.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Drefgold, marijuana e hashish in casa: a processo il trapper “figlioccio” di Sfera Ebbasta

prev
Articolo Successivo

Trapani, i bagnanti offrono aiuto alla venditrice ambulante: “Badiamo noi a tua figlia”. E una di loro racconta: “Un’Italia diversa da quella raccontata sui social”

next