“La nostra casa brucia”. Emmanuel Macron sposa lo slogan di Greta Thunberg e dei Fridays For Future per descrivere il disastro ambientale in Amazzonia. Lo fa con un post su Twitter e aggiunge la foto del “polmone del mondo” in fiamme. Ma l’immagine che pubblica non ha nulla a che fare con il disastro in corso in Brasile, perché risale a 16 anni fa. A scoprirlo è stata la redazione del quotidiano Libération, che l’ha immediatamente fatto notare nella sua rubrica di ‘fact checking’, secondo la quale la foto pubblicata fu scattata dal fotografo Loren McIntyre, morto nel 2003. Per l’Eliseo, l’immagine è stata scelta con cognizione di causa, scelta in una banca dati di immagini senza diritti d’autore in quanto, dicono i servizi della presidenza, esistono poche foto degli incendi attuali.

Ma sono tante le immagini diffuse negli ultimi giorni anche da grandi agenzie di stampa, come LaPresse e Reuters. E nei commenti c’è chi gli ricorda che l’Amazzonia non è la sua “casa” e che, anzi, dovrebbe prendersi cura della sua Notre Dame, distrutta dalle fiamme ad aprile.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Nato, 70 anni fa entrava in vigore il Patto Atlantico. Ma oggi ha ancora un senso?

prev
Articolo Successivo

Hong Kong, dodicesimo weekend consecutivo di proteste: lanci di molotov e scontri tra manifestanti e polizia

next