Sarà Malta a portare a terra i 356 naufraghi che da ormai due settimane si trovano a bordo della nave Ocean Viking. Lo annuncia il premier maltese Joseph Muscat su Twitter: “Malta trasferirà queste persone su navi militari in acque internazionali e le porterà a terra. Tutti i migranti saranno distribuiti in altri Paesi europei: Germania, Francia, Irlanda, Lussemburgo, Portogallo e Romania. Nessuno resterà a Malta”. L’accordo, aggiunge Muscat, è stato trovato in seguito a “discussioni con la Commissione europea e un certo numero di Stati membri, soprattutto Francia e Germania“. La stessa forma di intesa che era già stata trovata una settimana fa da Giuseppe Conte per risolvere lo stallo della Open Arms: gli ultimi 83 migranti a bordo avevano però dovuto aspettare fino a martedì per sbarcare, visto il blocco imposto da Matteo Salvini, saltato con la decisione della procura di Agrigento di sequestrare la nave. La redistribuzione accordata da Conte intanto è cominciata: la nave militare spagnola Audaz si trova all’imboccatura del porto di Lampedusa per far salire 15 migranti e portarli in Spagna.


La Ocean Viking da 14 giorni è ferma tra Malta e l’isola siciliana di Linosa, in attesa di un porto sicuro dove far sbarcare i 356 migranti salvati nelle acque del Mediterraneo. Tra loro ci sono 103 bambini e minorenni. L’unico porto che finora era stato offerto alla nave di Sos Mediterranee e Medici senza frontiere era quello di Tripoli, in Libia. Giovedì l’equipaggio aveva avvertito sulla presenza di pasti solamente per altri 5 giorni e sul peggioramento dello stato di salute dei naufraghi, provati dal viaggio e dalle vessazioni subite nei centri di detenzione libici: il medico di Msf a bordo ha raccontato di aver curato persone che hanno subito violenze sessuali e torture con l’utilizzo di plastica fusa.


La Francia accoglierà 150 dei 356 migranti, secondo quanto ha annunciato il ministro dell’Interno, Christophe Castaner. Intanto, a felicitarsi per aver trovato un accordo è il commissario agli Affari interni dell’Unione Europea, Dimitris Avramopoulos. “Positivo che sia arrivata la soluzione per le persone a bordo della Ocean Viking e che tutti i migranti verranno ricollocati”, ha scritto su Twitter. “Lodo Malta e il premier Joseph Muscat per la solidarietà e l’approccio europeo. Grazie a Francia, Germania, Irlanda, Lussemburgo, Portogallo e Romania. Questi impegni devono essere onorati rapidamente“, ha poi sottolineato Avramopoulos.

La Mare Jonio invece torna nel Mediterranneo, L’annuncio è arrivato dalla ong Mediterranea Saving Humans: “La nostra nave è stata sotto sequestro probatorio per più di due mesi dopo avere salvato 30 donne, uomini e bambini a maggio scorso. Restituita al suo equipaggio di mare e di terra, è tornata adesso dove bisogna essere, mentre continuano le notizie di terribili naufragi di persone in fuga dalle bombe della guerra e dalle torture dei campi di detenzione libici”. “Al nostro fianco anche l’ong Lifeline – spiega Mediterraneo – che ha deciso di supportare questa missione con l’apporto di una ulteriore barca a vela, nel solco della collaborazione simbolica e materiale che ha visto le navi della società civile europea continuare nonostante tutto a difendere strenuamente il diritto e i diritti contro l’arbitrio e la violenza del potere“. La ong poi conclude: “Abbiamo sempre portato le persone soccorse nel porto sicuro più vicino, che ha coinciso giuridicamente con l’isola di Lampedusa, costretta a diventare frontiera di un mare in guerra e capace di mantenere sempre una straordinaria dignità. Anche a Lampedusa e ai lampedusani va il nostro ringraziamento. La speranza, l’umanità, la serenità di essere dalla parte giusta della Storia, ci hanno portati fino a qui, insieme. Siete tutte e tutti a bordo con noi!”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ocean Viking, la nave in mare da 13 giorni con 356 migranti. Msf: “Abbiamo pochi pasti e peggiora lo stato di salute. Urgente sbarcare”

next
Articolo Successivo

Treviso, violentava la figlia minorenne e vendeva video pedopornografici in Australia: arrestato 46enne. Gli abusi duravano da anni

next