Mafiosi al pistacchio” e “Cosa nostra alle mandorle”. Così sono chiamati alcuni dolci venduti alla pasticceria di Roberto, a Taormina. I “mafiosi al pistacchio” sono ricoperti da mandorle intere all’esterno e con un cuore di pura pasta di pistacchio all’interno. “Cosa nostra alle mandorle” è invece l’appellativo riservato ad alcuni dolcetti tipici della tradizione siciliana. “Nel laboratorio di Roberto, il mago dei cannoli – si legge sul sito specializzato Ilgolosario.it – oltre ai perfetti dolci tipici dalla cialda croccante riempita al momento di ricotta fresca, sono spettacolari i dolci di mandorla e di pistacchio. Quindi Delizie al pistacchio (una pasta frolla ripiena di burro, pistacchio e marmellata), Mafiosi al pistacchio (un cuore di pura pasta di pistacchio ricoperto di mandorle intere), Cosa Nostra alla mandorla, paste di marzapane, torte e infine strudel siciliani alla frutta e le tipiche cassate”. Moltissime anche le recensioni su Tripadvisor e quasi tutte più che positive.

Chiameremo il commerciante e chiederemo di togliere i nomi ai pasticcini. Questo tipo di messaggi nelle vetrine e all’esterno dei negozi non mi piacciono e non devono essere utilizzati a Taormina. Adesso siamo in giunta e l’assessore al Commercio farà tutti i passaggi necessari per evitare che si ripeta quando successo nel comune che amministro”. Così il sindaco di Taormina, Mario Bolognari che aggiunge: “Mi spiace che io non me ne sia accorto, la pasticceria è in una via secondaria, ma in centro storico. Quello che mi rammarica di più che la segnalazione sia avvenuta da qualche studente palermitano. A Palermo in questi ultimi anni c’è una maggiore sensibilità verso la lotta alla mafia“.

“I dolci non sono stati chiamati così per inneggiare alla mafia – ha ribattuto il titolare della pasticceria – Se si fa un giro per Taormina i negozi e le bancarelle sono piene di gadget che utilizzano il nome mafia. Se il sindaco vuole fare togliere i nomi ai dolci verrà qui in negozio e gli spiegheremo il perché della nostra scelta. Non abbiamo bisogno di utilizzare la mafia per vendere i nostri prodotti – aggiunge il pasticcere – Tanto che abbiamo anche oggi il negozio pieno di clienti che apprezzano i nostri prodotti”.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Himalaya, il “lago degli scheletri”: l’analisi genetica infittisce il mistero sul bacino d’acqua che raccoglie centinaia di ossa di esseri umani

next
Articolo Successivo

Andrea Zamperoni morto, “il corpo ritrovato in un ostello a New York”. Lo chef italiano del ristorante Cipriani era scomparso da sabato

next