Lo chef italiano di Cipriani Dolci, Andrea Zamperoni, è stato trovato morto. Lo ha reso noto lo stesso ristorante di New York per il quale il 33enne lavorava: “Con tristezza abbiamo appreso che Andrea Zamperoni, un amato e rispettato membro della squadra Cipriani da molti anni, che era scomparso domenica, è stato trovato morto”, si legge in una dichiarazione alla Nbc. Il suo corpo, scrivono i media americani, è stato ritrovato al primo piano dell’ostello Kamway Lodge, nel Queens, a New York. Alcuni turisti che alloggiavano nell’ostello hanno parlato di una lite al primo piano. L’ostello, situato a pochi isolati dall’abitazione di Zamperoni, è noto per droga e prostituzione, riporta la Cbs.

Lo chef era scomparso nella notte tra sabato 17 e domenica 18 agosto. Il 33enne viveva proprio nel Queens e lavora nel famoso ristorante newyorkese: a dare l’allarme sono stati proprio i suoi colleghi che lunedì non lo hanno visto arrivare. L’avviso di ricerca scomparsa è stato diramato dal Police Department mercoledì sera. Andrea è stato visto per l’ultima volta sabato notte da un coinquilino mentre saliva su un’auto Uber: questo secondo quanto riferito da Fernando Dallorso, manager del ristorante, al New York Post. Il giovane chef è originario di Zorlesco, frazione di Casalpusterlengo.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

A Taormina in vendita “Mafiosi al pistacchio” e “Cosa nostra alle mandorle”. Il sindaco: “Togliere quei nomi”. Il pasticciere: “Qui è pieno di gadget con il nome della mafia”

prev
Articolo Successivo

Uomo a torso nudo trascina un corpo femminile per le strade della città: ecco cosa scopre la polizia

next