L’attesa silenziosa dei pazienti obesi dentro uno striminzito ambulatorio. La porticina in legno inquadrata di traverso che all’improvviso si apre. Ed ecco il dottor Nozzy, ovvero Younan Nowzaradan, il protagonista del programma Vite al limite (in Italia su Real Time), entrare in scena. Flemmatico, posato, e allo stesso tempo schietto, diretto e determinato, Nowzaradan, 74 anni, laurea all’università di Teheran (Iran), specializzazione in chirurgia cardiovascolare a bariatrica, è un’autentica star della tv e mito del web.

I dialoghi tratti dagli incontri con i suoi pazienti più riottosi si sono trasformati in migliaia di meme che invadono di continuo smartphone e social. Eppure Nowzaradan continua a non fare una piega, anzi. Il successo di Vite al limite, in originale My 600 lb life, è oramai giunto alla settima stagione dopo 93 puntate e un centinaio di pazienti rigorosamente over 250 chili riportati con le buone, o spesso con le cattive, dopo mesi e anni di interventi e diete sotto i 160 chili. Nulla a che fare con il violento metodo linguistico e caratteriale del farmacista italiano Alberico Lemme. Nowzaradan non insulta nessuno, ma sospinge e stimola silenziosamente il paziente a prendersi le sue responsabilità e collaborare.

Celebre online è il video in cui incalza senza mai arrabbiarsi la paziente Marla, oltre 360 chili di peso, a tornare a camminare, con la ragazza che si ostina a non voler seguire i consigli del medico e lui che, dopo averla apostrofata con durezza, quasi gira i tacchi per andarsene. Postura marmorea e teneramente ingobbita, tono calmo e persuasivo, Nowzaradan sembra uno di quei saggi medici di famiglia di una volta, tutto intento a risolvere problematiche incombenti con accurati e semplici consigli di buon senso. Dr. Nozzy lavora all’ospedale di Houston, dove il reality è ambientato. In numerose interviste video lo vediamo sereno e tranquillo, vaga somiglianza all’ex premier italiano Romano Prodi, in tuta da ginnastica mentre risponde alle domande degli intervistatori, mostrando in maniera disinvolta un “robusto” girovita. Nowzaradan ha, oltretutto, una particolarità rara: non sembra avere haters online.

Ovunque appare sbucano solo complimenti e apprezzamenti per il lavoro svolto con tenacia ed efficacia. Il successo in Italia è comunque dovuto molto all’azzeccata scelta di doppiaggio. Giorgio Lopez, solitamente voce di Danny DeVito, John Cleese, ma anche di Pat Morita in Karate Kid, dona a Nowzaradan una definitiva impronta melodrammatica che in originale il chirurgo non ha in modo così marcato se non per parecchie “s” che gli sfuggono su decine di parole suscitando la bonaria ilarità di molti utenti wasp. E per rimanere nella dimensione della comicità, alcuni meme su di lui che compaiono su facciabuco.com sono davvero irresistibili.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Katie Holmes e Jamie Foxx si sono lasciati

prev
Articolo Successivo

Monica Bellucci: “La donna madre, forse, non è più desiderabile? Ci lasciate fare le mamme e poi ve ne andate con altre donne…”

next