“Fiori di zucca!”. Matteo Salvini se la ride con l’aria di chi potrebbe aver scoperto la sua vocazione. È a torso nudo, come al solito, ma stavolta in mezzo a un orticello. In questo fine settimana il capo della Lega è lontano centinaia di chilometri da Roma, dal cuore della contesa politica e dal caos […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

Europa, Tav, reddito, tasse: divergenze e affinità tra M5S e Pd

prev
Articolo Successivo

Crisi o no? Destra nel pallone, pure sui giornali

next