“Discutibili scelte personali. Monsignor Gerardo Antonazzo, vescovo di Sora, prende le distanze da don Donato Piacentini, il parroco del comune in provincia di Frosinone che in occasione della festa patronale di San Rocco aveva pronunciato un’omelia anti-migranti. “Uno dei cardini fondamentali della vita di San Rocco – ha spiegato mons. Antonazzo durante la sua predica – è stata la scelta evangelica del ‘prima gli altri’ per amore di Cristo povero e sofferente” ribadendo dunque l’impegno, con la Caritas, per l’accoglienza dei migranti. Durante la sua omelia, invece, il sacerdote sorano aveva asserito che i volontari “vanno a soccorrere persone che hanno telefonini o catenine e catene al collo e che dicono di venire dalle persecuzioni. Ma quali persecuzioni? Guardiamoci intorno, guardiamo la nostra città, la nostra patria. Guardiamo le persone accanto, che hanno bisogno e quante ne conosco io, sono tante, tantissime, una marea che si vergognano del loro stato di vita”.

Una presa di distanze netta è stata esplicitata dal titolare della diocesi di Sora, Cassino, Aquino e Pontecorvo. “Qualunque pensiero in senso contrario espresso da chiunque, non esprime la volontà della Chiesa diocesana, e si deve addebitare esclusivamente a discutibili scelte personali di ogni singolo soggetto, si legge su una nota postata su Facebook riportante il pensiero del vescovo ciociaro. “La testimonianza di San Rocco – si legge nella nota – incoraggia ancor più l’operato della nostra Chiesa, soprattutto attraverso la Caritas, sempre impegnata nell’accoglienza e nel servizio amorevole delle antiche e nuove forme di povertà. Tale accoglienza è stata rivolta in particolare agli immigrati giunti sul nostro territorio, in perfetta collaborazione con la prefettura di Frosinone, con le istituzioni civili locali, con le associazioni di volontariato impegnate nel processo di integrazione. Questa è la scelta pastorale che non potrà cambiare perché il cristiano obbedisce al vangelo della Carità nei confronti di chiunque, senza distinzioni né esclusioni”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Milano, skimmer sulla biglietteria automatica della stazione per clonare bancomat. Due arresti

prev
Articolo Successivo

Napoli, saluti romani ai funerali dell’ex governatore della Regione Campania Antonio Rastrelli

next