La pazienza è la virtù dei forti, e anche di chi ha le ferie a settembre: per mesi hanno resistito alla scrivania, con l’aria condizionata a palla, cercando di schivare l’ennesima storia su Instagram dei colleghi in spiaggia a Ferragosto con sunset lover in sottofondo. Ma adesso è il momento del riscatto: certo, c’è il rischio di qualche capriccio del meteo, ma andare in vacanza a settembre significa prezzi più bassi, meno turisti e un tempo più mite. Dieci mete furbe per tutte le tasche.

Pantelleria, Sicilia
Quando finalmente il caldo comincia ad allentare la sua morsa, è il momento giusto per godersi la Sicilia: quest’isola selvaggia offre uno scampolo d’estate tardivo per chi parte quando tutti rientrano in ufficio. Un paradiso per chi ama lo snorkeling e immersioni, ma anche chi cerca il ristoro di un mare cristallino, buona tavola e silenzio: sarà un caso che anche Giorgio Armani trascorra le vacanze qui?

Toronto, Canada
Grandi parchi, laghi, cascate e natura incontaminata: il periodo perfetto per visitare il Canada è l’inizio dell’autunno, quando il grande freddo non è ancora arrivato e i boschi cominciano a cambiare colore regalando lo spettacolare foliage. Le foglie dell’acero sono di quel rosso straordinario che le ha rese un simbolo nazionale. Consigliatissimi alla fine di settembre i parchi dell’Ontario e del Québec.

Bagno Vignoni, Toscana
Quando il meteo peggiora e l’aria già sa d’autunno, è il momento giusto per farsi un bagno alle terme, immersi nell’acqua calda sotto il cielo nuvoloso. La Toscana offre tante località termali, oltre alle colline, ora in periodo di vendemmia. Bagno Vignoni, piccolo borgo in provincia di Siena ha la particolarità di avere una piscina nella piazza principale, e le sue acque sono note per le proprietà benefiche. Relax, buon vino, campagna: la ricarica giusta prima di affrontare l’inverno in città.

Ibiza, Spagna
La isla vacanziera per eccellenza, presa d’assalto a luglio e agosto, è al suo meglio a settembre, quando c’è meno caos ma le serate nei locali sono ancora in piena attività. Senza le orde di turisti ci si può rilassare in spiaggia e godere la vita notturna: la ‘chiusura’ delle discoteche è tra la fine di settembre e l’inizio di ottobre, il periodo d’oro degli aficionadas di Ibiza.

Outback, Australia
Se dopo l’estate in ufficio volete scappare dall’altra parte del mondo – letteralmente – per un viaggio on the road, la meta perfetta è l’outback australiano. Il cuore rosso dell’Australia è una zona desertica mozzafiato, in cui è situato Uluru, la sagoma rocciosa più fotografata del pianeta: d’obbligo arrivare al tramonto, quando il sole accende la pietra di un rosso infuocato. Settembre è un buon momento, perché in Australia è iniziata la primavera, il clima fresco è ideale per le escursioni nel deserto, ed è il momento in cui sbocciano i fiori selvatici, per la gioia degli occhi (e di Instagram).

Ponza, Lazio
Per una fuga rapida, giusto il tempo di un weekend, si può approfittare della bassa stagione per visitare questa isoletta del Lazio: un giro in barca, una cena con panorama, e lunedì si torna carichi al lavoro (ma portate una giacca in valigia).

Mantova, Lombardia
Per chi ha già fatto il pieno di mare, può scappare un weekend e visitare una città d’arte, approfittando delle giornate assolate e dei tanti eventi che animano la fine dell’estate, come il Festival della Letteratura a Mantova: conversazioni, dibattiti e incontri con gli autori. E dopo, d’obbligo una visita a Palazzo Te.

Marrakech, Marocco
Partire in bassa stagione significa aerei e hotel a prezzi più convenienti: perché non approfittarne per volare in Marocco? Un viaggio per scoprire un’altra cultura e perdersi nel caleidoscopio di profumi e colori dei souk.

Shangai, Cina
Se siete attratti dal fascino dell’Oriente, segnate in agenda settembre come il mese perfetto per visitare Shangai: d’estate il clima è soffocante, ma in autunno si può esplorare questa metropoli sospesa metropoli sospesa tra passato e futuro. Oltre ai suoi grattacieli, vale la pena visitare Yu Garden, il giardino dei mandarini con laghetti e templi antichi.

Malindi, Kenya
Se sognate un safari in Africa, settembre è il momento giusto per partire alla scoperta del Kenya: è il periodo meno caldo e con le piogge più rare, perfetto per godersi le spiagge paradisiache di Watamu o Malindi. Per gli amanti della natura, è il momento in cui ammirare la grande migrazione degli gnu a Maasai Mara.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Best Explorer, la nave del Passaggio a Nord Ovest riparte alla volta dell’Artico. Buon vento!

prev
Articolo Successivo

Ho visitato la Tunisia e ho trovato un paese solidale e in continuo movimento. Altro che crisi di governo

next