“Best Explorer” nel 2012 è stata la prima imbarcazione da diporto della storia della navigazione italiana ad aver attraversato con successo il leggendario Passaggio a Nord Ovest. Oggi il comandante Nanni Acquarone e il suo equipaggio si cimentano in un’altra difficile impresa navigando nell’altra metà dell’Artico a Nord della Siberia sino a raggiungere Tromso nel Nord della Norvegia, città dalla quale questo singolare giro del mondo aveva preso il via.

Acquarone è partito dal Giappone un mese fa ed è appena arrivato al GBF Marina di Petropavlovsk Kamchatsky (estremo Nord Est russo) da dove ripartirà il viaggio della “Best Explorer” che in realtà in questi anni non si è mai fermato. “Sono 12 anni – racconta il comandante – che lasciata l’Italia, continuiamo a navigare in lungo e in largo per luoghi remoti e mari sconosciuti ai più. E’ ora di tornare a casa e lo faremo portando a casa un nuovo record italiano: la navigazione lungo la Northern Arctic Sea Route e il completamento del periplo dell’Artico e del Polo Nord”.

A raggiungerlo a Petropavlovsk ci sarà Salvatore Magri, già compagno di navigazione di Nanni lungo il Passaggio a Nord Ovest. Lo raggiungo telefonicamente poco prima che il volo decolli, è felice di riprendere il mare: “Sono contento e orgoglioso di poter prendere parte a questa seconda Spedizione Artica su Best Explorer insieme a Nanni Acquarone. Il nostro è un sodalizio, ma prima di tutto una grande amicizia, fondamentale per raggiungere grandi obiettivi come in questa rischiosa impresa”. A completare l’equipaggio ci sono anche Danilo Baggini, Romolo Becchetti e Gianfranco Riccio, tutti navigatori con esperienze oceaniche.

La rotta prevede l’attraversamento dello Stretto di Bering verso Nord con l’ingresso nel Mar dei Chuckchi e successivamente verso Pevek, Capo Celiuskin (a quasi 80° gradi Nord!), quindi – se le condizioni meteo lo permetteranno – le isole di Francesco Giuseppe e poi l’uscita dalla Russia a Murmank nel Mar Bianco per poi raggiungere Tromso.

All’impresa sportiva sono affiancati progetti di ricerca scientifica condotti in collaborazione con Enea. Inoltre l’osservazione dell’ambiente, dello stato di conservazione dei ghiacci e dei cambiamenti climatici, costituiranno importanti elementi di studio. Chi voglia seguire questa nuova impresa può farlo sul sito ufficiale della spedizione www.nordovestitalia.org o sulle pagine Facebook

Chi volesse approfondire il primo viaggio può leggere Senza bussola tra i ghiacci. Avventura nell’Artico, i primi italiani a vela lungo la rotta di Amundsen edito per i tipi della Mursia. Nel libro vengono ricostruite tutte le tappe del viaggio, dalla preparazione tecnica prima della partenza, durata quasi cinque anni in giro per i mari fra le la Norvegia e le Svalbard, al suo compimento a King Cove, dopo una navigazione di ben ottomiladuecento miglia di mare. Certamente i nostri avventurieri ne scriveranno un altro con la nuova impresa, nel frattempo non ci resta che augurare a “Best Explorer”, al suo comandante Nanni Acquarone e a tutto l’equipaggio Buon Vento. Con il pensiero e il cuore marinaro saremo con loro.

Foto tratta da Facebook

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La Grecia riparte dal cibo sano: ecco i quattro diamanti della Tessaglia

next
Articolo Successivo

Vacanze a settembre, 10 mete furbe per tutte le tasche: i consigli per partire (anche all’ultimo)

next