Analisi della crisi di governo, ai microfoni di Radio Radicale, per voce del deputato di Forza Italia, Renato Brunetta, che rivolge, nel finale, un monito e al contempo un appello al leader della Lega, Matteo Salvini.
Il responsabile economico del partito di Berlusconi commenta la convulsa giornata di ieri: “Quando la situazione si fa calda, bisogna mantenere la testa fredda. E non mi pare che i principali protagonisti della crisi di governo abbiano tenuto la testa fredda, a parte il presidente Mattarella. E’ finito forse un governo mostruoso, quello Lega-M5s, e forse ne sta per nascere un nuovo altrettanto mostruoso, quello Pd-M5s-LeU. Siccome leggo commenti che attaccano questa seconda possibilità, con epiteti degradanti come inciucio, imbrogli o altro, occorre dire che era altrettanto un imbroglio o inciucio il governo Lega-M5s. Quindi, per favore, bando all’ipocrisia“.

E puntualizza: “Come eravamo all’opposizione del governo mostruoso precedente, lo saremo anche con questo esecutivo mostruoso. Quello che mi dispiace è il degrado delle regole istituzionali. Col taglio del numero dei parlamentari, peraltro realizzato in maniera sbagliata, forsennata, non equilibrata, stiamo cambiando la Costituzione. E usano questi mutamenti costituzionali per fare sgambetti o per riaprire giochi chiusi? Sinceramente tutto questo lascia allibiti“.

Brunetta aggiunge: “Tutto questo avviene in un momento in cui la Germania e l’Inghilterra sono in recessione. Cioè quel che resta della Ue, l’Eurozona, la Germania piomberanno forse in una crescita zero e noi, dentro questa recessione, siamo più in recessione di tutti gli altri. Quindi, aprire una crisi al buio con il Paese in recessione e con problemi di debito enormi e di deficit altrettanto enormi è da irresponsabili. Se poi il risultato di questa crisi, è un governo della sinistra del Pd, della sinistra del M5s e della sinistra-sinistra di LeU, peggio mi sento. Quindi, attrezziamoci per combattere questo eventuale governo di sinistra-sinistra-sinistra“.

E precisa: “Sin dal 4 marzo 2018 siamo rimasti per il centrodestra unito di governo. Lo ha detto Berlusconi, l’ho detto io, lo abbiamo detto tutti di Forza Italia. E’ stato Salvini a rompere il centrodestra unito di governo, preferendo la fuga d’amore col M5s. E noi, nonostante questo, siamo rimasti sempre dalla stessa parte: nei Comuni, nelle Regioni, dappertutto. Speriamo che Salvini, dopo questa scottatura col M5s, si ricreda e costruisca assieme a noi questo centrodestra unito. Ieri poteva essere un’occasione, ma c’era da capire Salvini: era in altre faccende affaccendato. Non c’è stato quindi – continua – l’incontro con Berlusconi per avviare una nuova fase, ma, ciò non di meno, Berlusconi vuole a piede fermo un centrodestra unito di governo. Se si andasse a votare uniti domani, avremmo più del 50% dei voti e forse il 60% dei seggi. Questa è l’unica prospettiva in Italia e in Europa”.

Ma avverte Salvini: “Attenzione: il centrodestra unito di governo deve essere plurale, liberale, riformatore, favorevole all’Europa e all’Euro. Quindi, sì all’Europa, ma non all’Europa di Bagnai e di Borghi, né all’Europa del ‘me ne frego dello spread’. C’è da costruire questo centrodestra unito di governo, che deve essere plurale e non sovranista ed estremista. Altrimenti, no, grazie, non ci interessa. In quel caso, lasceremo l’egemonia di questo centrodestra al solo Salvini. Ricordo che fino a pochi anni fa la Lega era al 3% e noi eravamo al 38% – conclude – Adesso i numeri sono quasi invertiti, ma, se è vero che Giorgetti regalò a Salvini una foto di Renzi da mettere sul comodino, allora quasi quasi mi sento di dover dare ragione a Giorgetti. Le cose cambiano. L’elettorato è molto fluido e, tra l’altro, punisce violentemente chi sbaglia. Ad esempio, sulle tasse, è inutile inventarsi sogni, bubbole e cose farlocche. Gli spazi di bilancio sono strettissimi, quindi o si fa quota 100 e reddito di cittadinanza o si fa la flat tax. Non si scappa, non è possibile. E’ solo propaganda da Papeete Beach“.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Crisi di governo, si spegne l’esperimento più punk dell’Occidente

prev
Articolo Successivo

Da eresia a possibilità per non scomparire: i parlamentari 5 stelle tentati “da un governo di responsabilità” con il Pd

next