“Anche con il taglio dei parlamentari si può votare entro ottobre con la legge attuale: non c’è nessun problema, lo dice l’articolo 4 della riforma stessa. Il taglio entra in vigore nella legislatura successiva. Ci siamo presi un impegno, adesso da Di Maio mi aspetto coerenza e dignità. Si può votare entro ottobre, l’importante è che non la tirino in lungo”. Lo ha detto il vicepremier e ministro dell’Interno, Matteo Salvini, conversando con i giornalisti al Senato dopo il voto sul calendario della crisi di governo

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Crisi, Patuanelli (M5s) chiede ai leghisti di “ritirare mozione di sfiducia”. E Centinaio sbotta: “Con chi c…o abbiamo governato”

prev
Articolo Successivo

Crisi di governo, dopo l’intervento in Senato Salvini lascia l’Aula e non partecipa al voto: il ministro va a parlare con i cronisti

next